Sabato, 28 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Operazione "Mezzaluna" a Catania, colpito il sodalizio del rione Galermo: 33 arresti

Operazione "Mezzaluna" a Catania, colpito il sodalizio del rione Galermo: 33 arresti

Una banda che gestiva una 'piazza di spaccio' realizzata in più siti di via Ustica nel popoloso rione San Giovanni Galermo di Catania è stata sgominata dalla polizia che ha arrestato 33 persone. Si tratta l’operazione 'Mezzaluna' della squadra mobile etnea che, con il contributo operativo dello Sco di Roma, ha ricostruito dinamiche interne al gruppo, identificato i vertici e ricostruiti i ruoli di spacciatori e vedette. Secondo la Dda di Catania, che ha coordinato le indagini, i capi promotori erano Vito Claudio Gangi, 55 anni, Concetto Renato Consoli, 56, e Carmelo Ventaloro, 58. Lo spaccio di marijuana e cocaina, ha ricostruito la Procura, si svolgeva su cinque turni, suddivisi per luoghi e distribuiti su diverse fasce orarie, in strada e in case 'fortificate'. La vendita è stata ripresa da telecamere nascoste della polizia e dove non è stato possibile installarle sono entrati in azione agenti sotto copertura.
Per incrementare il proprio «giro d’affari», accusa la Procura, l'organizzazione gestiva la 'piazza di spacciò seguendo anche una strategia 'commerciale': ad esempio, in occasione alla vigilia di Natale, per fidelizzare gli acquirenti, i capi facevano arrivare in strada una grossa fornitura di panettoni che venivano regalati come omaggio a clienti 'abituali' che acquistavano dosi di cocaina e marijuana. I proventi illeciti sono stimati dalla Dda in 10.000 euro al giorno. I soldi confluivano nella «cassa comune» del gruppo alla cui gestione era preposto uno degli indagati che riscuoteva le somme a casa sua, dove veniva raggiunto da diversi componenti l’associazione a chiusura del turno di spaccio.
L'indagine della squadra mobile ha permesso anche di ricostruire il sistema di approvvigionamento di cocaina, che arrivava a Catania tramite contatti con trafficanti calabresi. A riscontro dell’attività, il 19 giugno del 2020, nel porto di Messina, la polizia ha arrestato Salvatore Giuffrida, dopo essere sbarcato  dal traghetto proveniente da Villa San Giovanni (Reggio Calabria) che aveva in auto cinque chilogrammi di cocaina e destinata alla piazza di spaccio di via Ustica.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook