Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Video Cultura "La scomparsa di mia madre" di Barrese vince il Salina Doc Fest

"La scomparsa di mia madre" di Barrese vince il Salina Doc Fest

La scomparsa di mia madre di Beniamino Barrese si è aggiudicato il premio Tasca d'Oro per il miglior documentario nel corso della 13esima edizione del Salina Doc Fest - il Festival del Documentario Narrativo che si conclude oggi nell'isola delle Eolie.

Il riconoscimento è stato assegnato dalla giuria, composta dai registi Claudio Giovannesi e Nicolas Philibert e dal fotografo Francesco Zizola. Protagonista del documentario Benedetta Barzini, madre del regista.

La prima grande top model italiana negli anni '60, musadi Andy Warhol, Salvador Dalì, Irving Penn e Richard Avedon.

Femminista militante, a 75 anni, stanca dei ruoli, desidera lasciare tutto per raggiungere un luogo lontano dove scomparire.Turbato da questo progetto suo figlio Beniamino comincia afilmarla, determinato a tramandarne la memoria.

La scomparsa di mia madre si aggiudica anche la menzione speciale WIF - Women in Film, attribuita dalla giuria compostada Kissy Dugan, Presidente di WIF, dall'attrice Valentina Carnelutti e dalla regista Antonietta De Lillo.

La menzione è volta a premiare il documentario che più contribuisca a una riflessione sulla condizione femminile nel cinema.

Il Premio Signum del pubblico va invece a Freedom Fieldsdella regista anglo-libica Naziha Arebi. Il documentario, che èstato presentato in anteprima siciliana, segue tre donne e la loro squadra di calcio nella Libia post-rivoluzionaria nell'arco di cinque anni mentre nel paese incombe la guerra civile e le speranze utopiche della primavera araba iniziano a svanire.

Un film intimo sulla speranza, la lotta e il sacrificio in una terra dove i sogni sembrano un lusso. Una lettera d'amore alla sorellanza e un inno al potere della squadra.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook