Lunedì, 24 Settembre 2018
AEROPORTO CATANIA

Sulla pista lavori da 20 milioni

Perché l'Aeroporto di Catania chiude? Cosa succederà in questi giorni di stop ai voli? Lo scalo sarà oggetto di interventi di riqualificazione straordinaria della pista che, a distanza di cinquant’anni dall’inizio dell’attività dello scalo di Catania Fontanarossa, necessita di un intervento di bonifica radicale, sin dalle fondamenta. L’intervento di riqualificazione dell’Air Side include anche la realizzazione delle strip di sicurezza ai lati della pista che verranno realizzate ex novo - così come previsto da una disposizione dell’Authority aeroportuale - per scongiurare il rischio di incidenti come quello verificatosi a Linate nell’ottobre 2001.

I lavori, per un ammontare di euro 19.868.112,05 (oltre euro 588.642,61 per gli oneri di sicurezza) sono stati aggiudicati all’ATI (Associazione Temporanea d’Imprese) fra il Consorzio Valori (Roma), e le s.p.a. Cogip (Tremestieri Etneo, CT) e Ing. Pavesi & C. (Santa Venerina, Ct). Dopo la fase di allestimento del cantiere dei mesi scorsi, grazie alla disponibilità di alcune aree dell’Air Side, (quelle adiacenti il piazzale di sosta degli aeromobili), c’è stata la possibilità di anticipare alcuni lotti dei lavori rispetto al cronoprogramma predefinito.

Da settembre sono impiegate circa 30 persone tra personale tecnico e maestranze, 10 macchine operatrici e 20 autocarri, nel pieno rispetto di tutte le prescrizioni sulla sicurezza e di tutte le procedure aeroportuali. I lavori realizzati in questa prima fase hanno riguardato lo scavo delle zone interessate, il consolidamento del sottofondo mediante stabilizzazione a calce e la ricostruzione del pacchetto della sovrastruttura aeroportuale, composta dalla fondazione in misto granulometrico, da un secondo strato di fondazione realizzata con la tecnica del bitume schiumato. Infine la realizzazione di lastroni in calcestruzzo per la parte adiacente il piazzale di sosta aeromobili e la pavimentazione in conglomerato bituminoso speciale per i raccordi.

Contemporaneamente sono stati effettuati tutti gli impianti elettrici relativi alle zone interessate. Tra settembre e ottobre si è provveduto allo stoccaggio, all’interno del sedime aeroportuale, dei materiali necessari alla realizzazione dei lavori previsti nel mese di chiusura, periodo per il quale è stata inoltrata richiesta alle autorità competenti, di deroga alle limitazioni di traffico nei giorni festivi per gli autocarri che trasportano materiale destinato al rifacimento della pista di Fontanarossa.

Nel novembre 2002 la pista di Fontanarossa è stata oggetto di un intervento di riqualificazione superficiale della durata di 7 giorni. Anche in quell’occasione il traffico è stato spostato a Sigonella.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X