Sabato, 04 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Progettavano estorsioni ai danni di imprenditore I nomi degli arrestati
CAPO D'ORLANDO

Progettavano estorsioni
ai danni di imprenditore
I nomi degli arrestati

capo d'orlando, tentata estorsione, Sicilia, Archivio

Gli agenti del Commissariato di Capo d’Orlando con la collaborazione dei colleghi della Squadra Mobile di Messina hanno eseguito l’ordinanza di misura cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Messina, Salvatore Mastroeni, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica presso la DDA, Liliana Todaro, nei confronti di tre persone ritenute responsabili di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso, ai danni di un imprenditore di Capo d’Orlando.

A finire in manette Armando Calogero Incognito, 66 anni, di Capo d’Orlando, con pregiudizi per furto, truffa e reati di falso; Paolo De Domenico, incensurato messinese di 45 anni; Vittorio Contiguglia, originario di Ucria e residente a Messina,50 anni, con precedenti per rapina, associazione di tipo mafioso, omicidio, furto, estorsione e porto abusivo e detenzione armi. A cavallo dei mesi di settembre e ottobre dello scorso anno i tre arrestati si presentavano presso una ditta di Capo d’Orlando e spacciandosi per emissari e appartenenti alla nota famiglia mafiosa catanese dei “Santapaola” minacciavano il titolare di rimborsare un “inesistente debito” che quest’ultimo avrebbe contratto in passato con altro soggetto appartenente alla predetta famiglia catanese.

Nonostante l’impreditore avesse chiaramente detto di non avere debiti con fornitori del centro etneo, i tre individui, con “atteggiamento intimidatorio e provocatorio” rimandavano la riscossione del denaro dovuto ad un successivo incontro, che effettivamente si riproponeva nei giorni a seguire.

L’attività investigativa immediatamente avviata dai poliziotti del Commissariato P.S. di Capo d’Orlando, espletata anche con l’impiego di telecamere, installate negli uffici della ditta, che ne hanno registrato gli incontri, ha permesso in tempi rapidi di accertare la responsabilità dei tre malviventi, rinchiusi nel carcere di Gazzi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook