Sabato, 22 Settembre 2018
CATANIA

Rapinatore acrobata, abusa di una giovane donna

catania, rapinatore, Sicilia, Archivio
Rapinatore acrobata, abusa di una giovane donna

Dopo essersi recato per un malore nel pronto soccorso dell'ospedale Garibaldi Centro di Catania, si sarebbe introdotto nella vicina abitazione di una giovane donna, l'avrebbe malmenata, minacciata con un coltello e ne avrebbe abusato sessualmente prima di allontanarsi portando con sé un telefono cellulare, un computer portatile e due portafogli. E' quanto contestato ad un giovane di 28 anni, Sebastiano Balsamo, fermato dalla Polizia di Stato in base ad un provvedimento emesso dalla Procura con l'accusa di di violenza sessuale, rapina e lesioni aggravate.

Gli investigatori sono risaliti a Balsamo sia grazie alle testimonianze del personale sanitario, sia dalla visione delle immagini degli impianti di video-sorveglianza dell'Ospedale, che hanno registrato la sua presenza nel reparto triage del nosocomio e le scene che lo mostrano mentre si arrampica sullo stabile ed entra in casa della vittima. Ad avvertire il 113 è stata la donna, alla quale sono stati diagnosticati traumi e lesioni in diverse parti del corpo giudicati guaribili in 25 giorni. Balsamo, che risiede in un comune del'hinterland etneo, è stato fermato due giorni dopo a pochi passi da piazza Università, nel centro di Catania. Il Gip, accogliendo la richiesta della Procura, ne ha convalidato il fermo disponendo la custodia cautelare in carcere. Balsamo è stato rinchiuso nella casa circondariale di Piazza Lanza.

La Polizia di Stato era intervenuta alle 7 del mattino nel pronto soccorso dell'ospedale "Garibaldi Centro", nelle immediate vicinanza del'abitazione della donna, dopo la segnalazione al 113 della vittima, che aveva raccontato che un uomo, dopo essersi arrampicato sulla parte esterna dello stabile e avere raggiunto la sua abitazione al primo piano, utilizzando il manico di un coltello aveva infranto il vetro di una finestra e si era introdotto in casa sua. Dopo aver picchiato la donna, che aveva tentato in ogni modo di difendersi, aveva abusato di lei sotto la minaccia di un coltello a serramanico. Prima di fuggire aveva poi rubato Durante un sopralluogo in casa della donna degli agenti della squadra mobile e del gabinetto regionale di Polizia scientifica furono trovati riscontri la racconto della donna, tra cui tracce di sangue, alcune delle quali mischiate con liquido verosimilmente seminale.

Gli investigatori inoltre trovarono e sequestrarono il coltello a serramanico che era stato utilizzato dall'uomo ed una abat-jour rotta che la vittima aveva indicato come un oggetto con il quale aveva tentato di difendersi colpendo più volte il malvivente. Dalle immagini registrate da altre telecamere di sorveglianza hanno visto che il giovane era entrato in uno stabile, si era arrampicato sulla parete dell'edificio ed aveva raggiunto l'abitazione della vittima. Il malvivente era poi sceso dopo aver visto che la finestra era protetta da sbarre. Dopo alcuni minuti aveva raggiunto un'altra finestra nelle vicinanze, aveva infranto il vetro ed era entrato. Dopo circa 10 minuti era uscito dal cancello dello stabile e si era dato alla fuga con in mano alcuni oggetti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X