Domenica, 14 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Maltempo in Sicilia: strade chiuse, circolazione ferroviaria sospesa su alcune tratte
ALLERTA ROSSA

Maltempo in Sicilia: strade chiuse, circolazione ferroviaria sospesa su alcune tratte

Il maltempo che continua ad abbattersi al Sud sta creando notevoli disagi soprattutto in Sicilia. L'ultimo, in ordine di tempo, riguarda anche una possibile interruzione dell'erogazione idrica a Palermo. In città è stata decretata, per la giornata di oggi, l'allerta rossa, e stamani l’Amap, attraverso una nota, ha fatto sapere che "a causa del protrarsi del notevole aumento della torbidità delle acque prelevate dagli invasi, che garantiscono l’approvvigionamento idropotabile della città di Palermo e dei comuni della fascia costiera, nelle prossime 48 ore si potrebbero verificare dei disservizi e/o interruzioni nell’erogazione idrica". L'Amap tiene a precisare che "è in corso il costante monitoraggio dei parametri di processo al fine di consentire il rispristino della normale funzionalità dell’impianti".

La strada statale 118 “Corleonese Agrigentina” resta chiusa al chilometro 44,600 all'altezza di Corleone, per frana.

Situazione difficile nel trapanese con numerosi interventi dei vigili del fuoco a causa di diversi alberi pericolanti. La situazione più grave è ad Alcamo, dove si registrano rallentamenti alla viabilità sulle principali vie di accesso, a causa di grossi rami che si sono abbattuti sulla strada.

Continua a piovere, intanto, a Sciacca, in provincia di Agrigento, una delle zone più colpite dalla recente ondata di maltempo in Sicilia occidentale, culminata con lo straripamento del torrente Cansalamone. La protezione civile ha disposto la chiusura, per ragioni di sicurezza, di due ponti, situati rispettivamente a Raganella e a Portolana. Si tratta di viadotti che collegano il centro abitato ad alcune località di campagna che, adesso, rischiano di rimanere isolate, come le 6 famiglie di via del Pellegrinaggio, strada cancellata dalla bomba d’acqua. I tecnici del comune hanno effettuato una verifica dell’intero territorio. Sono numerose le zone interessate da frane e smottamenti.

"Stiamo predisponendo i progetti di somma urgenza per ripristinare la normalità", ha detto il sindaco Francesca Valenti. Gravi conseguenze intanto anche per le campagne: "In piena stagione olivicola - ha dichiarato il presidente dell’Unione Coltivatori Italiani Paolo Mandracchia - questa ondata di maltempo ci ha dato il colpo di grazia". Il sindaco ha ribadito l'invito alla popolazione a non lasciare le proprie abitazioni se non per esigenze assolutamente indispensabili.

Sono concluse le operazioni di ripristino dell’infrastruttura ferroviaria dagli oltre 50 tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) e dal personale delle ditte appaltatrici, al lavoro da ieri mattina a causa del maltempo. Questa la situazione alle 18; linea Palermo - Agrigento. Riattivata alle 17.30 la circolazione ferroviaria con precauzionale riduzione di velocità fra Lercara Diramazione e Acquaviva e fra Roccapalumba e Montemaggiore.

Conclusi i lavori di ripristino della massicciata, erosa dalle forti piogge della mattinata. Linea Caltanissetta Centrale - Agrigento. E’ nuovamente agibile il tratto di linea fra Caltanissetta Centrale e Canicattì. Linea Piraineto - Trapani. Riattivato alle 17.45 il traffico ferroviario, con precauzionale riduzione di velocità, fra Castelvetrano e Campobello di Mazara, interrotto nel pomeriggio per la presenza di detriti sui binari. Riaperto alla circolazione ferroviaria anche il tratto di linea fra Mazara del Vallo e Trapani.

Linea Palermo - Catania. Il traffico ferroviario è ancora sospeso sui tratti di linea Caltanissetta Xirbi - Mimiani e
Caltanissetta Xirbi - Imera e Caltanissetta Xirbi - Caltanissetta Centrale.

A causa di un’elevata torbidità dell’acqua in ingresso al potabilizzatore del Fanaco, il gestore Caltaqua ha sospeso la fornitura in undici comuni: Acquaviva Platani, Mussomeli, Campofranco, Sutera, Milena, Bompensiere, Montedoro, San Cataldo, Delia, Sommatino e Serradifalco. La causa è nelle abbondanti piogge degli ultimi giorni, spiega Siciliacque.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook