Martedì, 25 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia e traffico di droga da Milano a Siracusa, otto arresti: tra loro il boss del clan Trigila
POLIZIA

Mafia e traffico di droga da Milano a Siracusa, otto arresti: tra loro il boss del clan Trigila

Un gruppo guidato da Angelo Monaco, reggente del clan mafioso Trigila di Noto, si occupava di traffico di droga ed estorsioni nella zona sud della provincia di Siracusa. È questa l’accusa mossa dagli investigatori della squadra mobile che hanno già eseguito otto ordinanze di custodia cautelare in carcere nell’ambito dell’operazione «Vecchia maniera». Due persone sono ancora ricercate.

In carcere Hamid Aliani, 56 anni, marocchino; Nunziatina Bianca, 62 anni, di Noto; Pietro Crescimone, 57 anni, di Lucca Sicula; Elisabetta Di Mari, 54 anni, di Siracusa; Giuseppe Lao, 48 anni, di Rosolini; Said Lemaifi, 50 anni, marocchino espulso dall’Italia il 4 dicembre scorso; Angelo Monaco, 63 anni, di Rosolini, e Antonino Rubbino, 51 anni, di Rosolini.

Gli investigatori arrestarono Monaco nel maggio del 2017 a Villa San Giovanni: era insieme al socio Pietro Crescimone con 71 chili di hashish. Il gruppo si occupava di estorsioni: contestata una intimidazione ad una azienda impegnata nella realizzazione dello svincolo di Noto della Siracusa Gela.

Nella notte tra il 19 ed il 20 maggio del 2017 un gruppo armato composto da Monaco, Lao, Rubbino e Crescimone avrebbe esploso colpi di pistola contro i mezzi dell’impresa edile. In una intercettazione telefonica, Monaco rivolgendosi ad un
imprenditore afferma. «..sono venuto tre volte, non vengo più».

Per convincere le ditte a piegarsi, in particolare per l'acquisto di una partita di pedane in legno il sodalizio avrebbe fatto visita ad un imprenditore insieme a Nunziatina Bianca, moglie del boss di Noto, Antonino Trigila detto «Pinnintula».

La droga gestita dal clan di Noto veniva da un gruppo criminale con sede a Milano. I «grossisti» erano cittadini marocchini, tra cui Hamid Aliani e Said Lemaifi, coinvolti nell’indagine siciliana. La banda aveva la base operativa a Milano e collegamenti a Messina e Novara.

Ma era anche al centro di una rete di contatti con il Marocco da dove venivano importati ingenti quantitativi di stupefacenti. La «merce» veniva poi ceduta a «concessionari» in tutta Italia che la immettevano nel mercato al dettaglio. Uno
dei filoni di diffusione della droga arrivava al gruppo capeggiato da Angelo Monaco.

In un caso, tra il 21 e il 22 maggio 2017, Monaco era stato fermato con Pietro Crescimone a Reggio Calabria: con un furgone stavano trasportando 71 chili di hashish acquisita a Milano dal gruppo dei trafficanti marocchini.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook