Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
CORTE DEI CONTI

Ex sportellisti in Sicilia, Crocetta condannato a risarcire 738 mila euro

ciapi, corte dei conti, danno erariale, formazione professionale, sportellisti, Anna Rosa Corsello, Antonino Bartolotta, Dario Cartabellotta, Egidio Ortisi, Ester Bonafede, Linda Vancheri, Luca Bianchi, Lucia Borsellino, Luciana Rallo, Maria Lo Bello, Michela Stancheris, Nelli Scilabra, Nicolò Marino, Patrizia Valenti, Rosario Crocetta, Sicilia, Cronaca
Rosario Crocetta

I giudici della sezione siciliana della Corte dei conti (presieduta da Guido Carlino, relatore Maria Rita Micci e consigliere Giuseppe Grasso), hanno condannato l'ex presidente della Regione Rosario Crocetta, l'ex assessore al Lavoro Ester Bonafede e la dirigente Anna Rosa Corsello a risarcire la Regione della somma di 2 milioni e 200 mila euro.

Ognuno di loro deve versare 738 mila euro. Sono stati assolti gli ex assessori e dirigenti Antonino Bartolotta, Luca Bianchi, Lucia Borsellino, Dario Cartabellotta, Maria Lo Bello, Nicolò Marino, Egidio Ortisi, Luciana Rallo, Nelli Scilabra, Michela Stancheris, Patrizia Valenti e Linda Vancheri.

La vicenda ruota sul progetto di formazione Spartacus, affidato al Ciapi di Priolo. A citare in giudizio l'ex presidente della Regione, gli ex assessori e i dirigenti era stata la procura contabile diretta da Gianluca Albo.

Erano accusati di aver dissipato 35 milioni di euro di fondi europei e statali - usandoli per 9 mila cassintegrati - che avrebbero dovuto essere impiegati per retribuire l'attività di formazione e di politiche attive del lavoro espletata, per 8 mesi, da circa 1.800 ex sportellisti.

La vicenda giudiziaria e contabile attorno al Ciapi per il progetto Spartacus era cominciata nel 2014. In base alle indagini della guardia di finanza, dopo un esposto proprio di alcuni ex sportellisti, si è appurato che pressoché nessuna attività lavorativa sarebbe stata fatta e che, invece di operare presso uffici del dipartimento regionale Lavoro, gli ex sportellisti sarebbero stati assegnati ad alcune scuole e ad altri rami dell'amministrazione ma sempre per restare sostanzialmente inattivi, almeno secondo quanto dichiarato da alcuni capi di istituto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook