Mercoledì, 23 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
IN SICILIA

Nave con 50 migranti si dirige verso Lampedusa: sempre più "micro-partenze" da Africa e Turchia

La nave commerciale Asso 25 ha recuperato ieri in mare 50 migranti e si starebbe dirigendo ora verso Lampedusa, secondo Alarm Phone.

"Secondo diverse fonti, Asso 25 ha eseguito un'operazione di salvataggio per una barca che ci aveva chiamato in precedenza. Riteniamo che si stia dirigendo all'isola di Lampedusa, in Italia", scrive su Twitter il servizio di linea telefonica diretta d'allarme per persone in difficoltà in mare.

Secondo la stessa fonte i migranti avrebbero passato una notte alla deriva in acque di ricerca e soccorso (sar) maltesi senza che La Valletta sia intervenuta, seppur informata.

I migranti continuano ad arrivare in Italia nonostante la politica dei "porti chiusi" del Viminale. Piccoli numeri, su barchini, gommoni o addirittura barche a vela. Che a volte non vengono neanche conteggiati perché non intercettati dalle forze dell'ordine una volta a terra.

Negli ultimi giorni si sono verificati numerosi arrivi: circa 140 gli sbarcati in poche ore. Il bilancio degli arrivi nel 2019 indica un netto calo (dell'87%) rispetto allo stesso periodo del 2018: 1.764 contro 13.775. Ma con l'arrivo della bella stagione ed il mare calmo le 'micro-partenze' cresceranno.

Diverse le rotte: la più lunga è quella dalla Turchia, che porta verso le coste di Calabria e Puglia. C'è poi quella che da Algeria e Tunisia finisce in Sardegna e in Sicilia. Sono piccoli natanti che "bucano" il sistema di sorveglianza marittima, entrano nelle acque italiane e poi arrivano a terra spesso senza essere proprio intercettati.

E' il fenomeno dei cosiddetti "sbarchi fantasma", da tempo all'attenzione di forze della polizia ed intelligence per il rischio dell'infiltrazione - evitando i controlli al momento dello sbarco - di soggetti che potrebbero avere collegamenti con formazioni terroristiche.

A volte c'è una vera e propria organizzazione di questi viaggi, con navi madri che fanno parte del percorso e poi mettono in mare i migranti su imbarcazioni più piccole che arrivano sulle coste italiane.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook