Mercoledì, 23 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
TERMINI IMERESE

Accusato di aver ucciso un suo impiegato nel Palermitano: assolto dopo un anno

assolto dopo un anno, omicidio, termini imerese, Giovanni Guzzardo, Nino Zanghi, Santo Alario, Stefania Galli, Vincenzo Lo Re, Sicilia, Cronaca
Giovanni Guzzardo e Santo Alario

Il gup di Termini Imerese , Stefania Galli, ha assolto Giovanni Guzzardo dall’accusa di avere ucciso un suo impiegato, Santo Alario, sparito il 7 febbraio 2018 e mai ritrovato. La procura aveva chiesto l'ergastolo.

Guzzardo, 47 anni, titolare del bar «Avana Cafè» di Capaci, è stato subito scarcerato, dopo oltre un anno in cella. Il giudice ha ritenuto che non c'erano elementi sufficienti per condannare l’imputato, difeso dagli avvocati Nino Zanghi e Vincenzo Lo Re.

Alario, 42 anni, e Guzzardo si erano allontanati insieme da Capaci sulla Panda dell’imputato, viaggiando nelle campagne della provincia e passando anche da Ventimiglia di Sicilia. Durante il percorso, Alario aveva mandato diversi videomessaggi alla compagna, descrivendo il paesaggio e assicurando che la sera sarebbe andato a prenderla nel centro commerciale in cui si trovava la donna. Dei due uomini si persero le tracce. La macchina fu ritrovata alcuni giorni dopo. I carabinieri trovarono Guzzardo dopo mesi, in un casolare, a Montemaggiore Belsito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook