Venerdì, 22 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Reddito di cittadinanza per incidere un disco, denunciata la catanese Agatina Arena

reddito di cittadinanza, Agatina Arena, Sicilia, Cronaca
Agatina Arena

«I soldi del reddito di cittadinanza non mi sono serviti per incidere il cd perché il primo singolo l'ho inciso a febbraio e invece il reddito l'ho preso a luglio». Si difende così Agatina Arena, la cantante neomelodica catanese accusata di aver usato i  soldi del reddito di cittadinanza utilizzati per incidere un disco.

La donna è stata denunciata dalla polizia per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche: da luglio scorso percepiva il reddito di cittadinanza per un valore di 709 euro al mese e ha rivelato agli investigatori di aver aver investito 3 mila euro per incidere, con una nota casa discografica, 4 brani mentre un quinto inedito è in uscita.

Per completare il suo progetto e pubblicare l'album però Agatina ha dichiarato di aver bisogno di altro denaro. Le indagini hanno permesso di scoprire un minimarket abusivo gestito dalla famiglia in cui lavoravano anche altri tre familiari che all'Inps si erano dichiarati disoccupati.

«Una volta che avevo il reddito di cittadinanza perché dovevo lavorare. Quindi ho chiuso la bottega e ho presentato la richiesta all'Inps - ha detto Agatina, intervistata oggi a "Mattino Cinque" -. Cosa devo fare in una bottega se ho i soldi del reddito di cittadinanza?».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook