Mercoledì, 03 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Processo contro il clan di Porta Nuova e Resuttana a Palermo, 24 condanne e 11 assoluzioni
MAFIA

Processo contro il clan di Porta Nuova e Resuttana a Palermo, 24 condanne e 11 assoluzioni

mafia, palermo, Sicilia, Cronaca

Si è concluso davanti al gup con 24 condanne complessivamente a oltre mezzo secolo di carcere e 11 assoluzioni il processo nato dall’inchiesta denominata "Delirio" che, a luglio del 2018, portò all’arresto di 27 persone tra cui boss, prestanomi e insospettabili professionisti legati alle cosche palermitane. Una tranche del procedimento è ancora pendente in ordinario. L’accusa in giudizio è stata rappresentata dalla pm della Dda Amelia Luise.

L’indagine portò alla scoperta di un maxitraffico di droga i cui proventi venivano riciclati e reinvestiti in attività lecite. La Finanza, che condusse l’inchiesta, fotografò la mafia del dopo Riina e evidenziò il ruolo di personaggi come Giuseppe Corona, tuttora sotto processo in ordinario insieme ad altri 23 imputati tra i quali l’avvocato penalista Nico Riccobono che, nel 2018, finì ai domiciliari con l’accusa di concorso in intestazione fittizia di beni.

Condannato a 17 anni per un omicidio commesso dopo una banale lite per la restituzione di un braccialetto, figlio di un mafioso assassinato, dai boss Madonia aveva avuto il compito di ripulire il loro tesoro investendo in  bar, tabacchi, immobili.

Tra i condannati dal gup oggi anche Raffaele Favaloro, che dovrà scontare 11 anni e 2 mesi. Figlio di Marco, killer pentito, reo confesso dell’imprenditore Libero Grassi non ha mai rinnegato il clan. «Solo i Madonia» possono decidere di me, diceva, non sapendo di essere intercettato, mostrando totale sottomissione ai padrini di Resuttana. Era accusato di associazione mafiosa, ricettazione ed estorsione.

Per molti degli imputati è caduta l'accusa di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di droga ed è rimasto il solo reato di spaccio, circostanza che ha determinato la condanna in continuazione e dunque pene ridotte.

Queste le condanne: Maurizio Caponetto 10 anni e 6 mesi, Massimiliano Cocco 2 anni e 4 mesi, Claudio Demma 5 anni, Raffaele Favaloro 11 anni e 2 mesi, Giovanni Russo un anno e 4 mesi, Antonino Salerno un anno e 4 mesi, Croce Siragusa 2 anni e 9 mesi, Michele Siragusa 5 anni e 4 mesi, Francesco Paolo Trapani un anno e 4 mesi, Salvatore Salamone un anno e un mese, Gioacchino Salamone 6 mesi, Emanuele Milazzo 3 anni, Leandro Calogero Naso 4 mesi, Carmelo Naso 4 mesi, Gregorio Palazzotto un anno, Giuseppe Pecoraro 4 mesi, Salvatore Buccheri 4 mesi,
Giuseppe Salamone, di 58 anni, 4 anni e 2 mesi, Giuseppe Salamone, di 52 anni, 10 mesi, Salvatore Giglio un anno e 6 mesi, Giuseppe Giurintano 4 mesi, Giosuè Lo Piccolo un anno e 4 mesi, Francesco Lo Re 4 mesi, Giuseppa Mandarano un anno e 6 mesi. Assolti: Anna David, Sandro Diele, Giovanna Porcelli, Rosolino Salvatore Albanese, Fabio Bonaccorso, Alessandro Bronte, Giuseppe Tarantino, Vito Virzì, Andrea Lo Coco, Paolo Lo Iacono, Luigi Miceli.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook