Mercoledì, 08 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Legami con i clan della mafia, l'ex deputato regionale Ruggirello rinviato a giudizio
PALERMO

Legami con i clan della mafia, l'ex deputato regionale Ruggirello rinviato a giudizio

cosa nostra, mafia, pd, regione siciliana, Paolo Ruggirello, Sicilia, Cronaca
Paolo Ruggirello al comando dei carabinieri

È stato rinviato a giudizio l’ex deputato regionale Paolo Ruggirello, accusato di associazione mafiosa. Ha pianto durante l’arringa dei suoi legali, ma assieme a lui il gup di Palermo, Filippo Serio ha rinviato a giudizio altre otto persone coinvolte nel blitz Scrigno, eseguito il 5 marzo dello scorso anno su richiesta della Dda di Palermo.

Si tratta di Nino Buzzitta, decano della famiglia trapanese, Vito D’Angelo, presunto boss della cellula di Favignana, Giuseppa Grignani, Vito Gucciardi, Vito Mannina, ex consigliere comunale di Trapani, Luigi e Alessandro Manuguerra, padre e figlio, e Michele Pollara. Il processo inizierà il prossimo 8 aprile dinanzi al Tribunale di Trapani.

Contestualmente invece è stata stralciata la posizione di Ciccio Todaro, fedelissimo di Ruggirello, accusato di favoreggiamento che verrà processato con il rito abbreviato. Durante l’arringa difensiva i legali del politico hanno chiesto che venisse disposta una sentenza di non luogo a procedere oltre che la revoca della misura cautelare in carcere, da proseguire ai domiciliari.

Richiesta per la quale la Dda (pm Gianluca De Leo oggi in aula) si è riservato di esprimere un parere. Durante le indagini gli inquirenti hanno ricostruito la figura di Ruggirello in relazione alle famiglie mafiose trapanesi, soprattutto in occasione delle elezioni regionali del 2017, durante le quali avrebbe promesso 50 mila euro ai capi della famiglia mafiosa di Trapani.

Accolta dunque, la richiesta avanzata, nei mesi scorsi, dai pm della Dda di Palermo (il procuratore aggiunto Paolo Guido e i sostituti Gianluca De Leo e Claudio Camilleri) per gli indagati coinvolti nell’inchiesta che ha fatto luce sulle attività delle famiglie mafiose di Trapani, Paceco e Marsala attive nella raccolta e compravendita di preferenze a ridosso delle elezioni oltre alle tradizionali attività criminali come episodi di estorsione, danneggiamento con incendio tutte aggravate dal metodo mafioso.

Durante le indagini gli inquirenti hanno ricostruito la figura di Ruggirello in relazione alle famiglie mafiose trapanesi, soprattutto in occasione delle elezioni regionali del 2017, durante le quali avrebbe promesso 50 mila euro ai capi della famiglia mafiosa di Trapani. Oltre al politico nel blitz di marzo 2019 vennero arrestati anche il presunto capomafia Franco Orlando e i fratelli Francesco e Pietro Virga (figli del boss Vincenzo Virga, arrestato da latitante nel 2001): tutti e tre verranno processati con il rito abbreviato.

Assieme a loro verranno giudicate in abbreviato altre sette persone: il presunto boss di Paceco, Carmelo Salerno e il suo braccio destro Francesco Peralta, l’ex assessore comunale di Trapani, Ivana Inferrera e il marito Ninni D’Aguanno, Michele Alcamo, Tommasa Di genova e Mario Letizia. Per loro il procedimento proseguirà il prossimo 17 febbraio davanti al gup di Palermo. Nella stessa udienza verranno ratificati i patteggiamenti di Filippo Tosto, Maria Stella Cardella e Leonardo Russo.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook