Martedì, 24 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Corruzione a Palermo, arrestato l'ex direttore del cimitero comunale
CARABINIERI

Corruzione a Palermo, arrestato l'ex direttore del cimitero comunale

Corruzione al cimitero comunale dei Rotoli a Palermo: arrestato l'ex direttore del camposanto, accusato di aver ricevuto mazzette per trovare sepolture.

I carabinieri hanno eseguito l'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari firmata dal gip di Palermo nei confronti di Cosimo De Roberto, accusato di corruzione e concussione. Le indagini sono state coordinate dalla procura.

L'attività investigativa si è sviluppata dopo che, lo scorso mese di febbraio, erano stati notificati 10 avvisi di garanzia ed erano state eseguite diverse perquisizioni, sia al Cimitero di Santa Maria dei Rotoli che in alcune abitazioni degli indagati.

In particolare, sarebbe stato accertato che De Roberto, dietro il pagamento di somme di denaro non dovute (fino ad 800 euro), si sarebbe adoperato per trovare sepolture, senza osservare il rigoroso ordine cronologico imposto dai regolamenti cimiteriali.

È stata, inoltre, evidenziata la gravissima situazione di degrado del cimitero, al cui interno le salme in attesa di sepoltura rimangono in giacenza per diversi mesi, causando problemi sotto il profilo igienico-sanitario. Fino ad oggi le bare da seppellire sono oltre 500.

Per tumulare le salme nei cimiteri di Palermo c'è un ordine cronologico, che secondo le indagini dei carabinieri del comando provinciale non sarebbe stato rispettato dall’ex direttore dei cimiteri Cosimo De Roberto, arrestato oggi. Il dirigente, come si legge nell’ordinanza del gip Filippo Serio, in difficile condizione economica, avrebbe accettato un prestito non quantificato dall’impresario di onoranze funebri Nunzio Trinca. Due i casi accertati di mancata osservanza del criterio cronologico, contestati a Trinca a anche al fioraio Rosolino Lo Cicero. Pagando 800 e 400 euro i parenti di due defunti avrebbero avuto una corsia preferenziale. Ci sono «dei gruppi di dipendenti comunali del cimitero cittadino di Santa Maria dei Rotoli, - si legge nell’ordinanza - i quali, agendo tra loro con la medesima comunanza di intenti, gestivano in maniera del tutto illecita l’effettuazione di numerose operazioni cimiteriali rendendosi quindi responsabili di condotte penalmente rilevanti». Una gestione, come sostengono il procuratore aggiunto Sergio Demontis e il sostituto Francesca Mazzocco, che ha creato «la situazione di degrado e malaffare in cui versa, in particolare, il cimitero dei Rotoli». A condurre le indagini, i carabinieri del Nucleo investigativo di Palermo, da qualche giorno guidato dal neo comandante, il maggiore Salvatore Di Gesare. I militari pedinato i lavoratori della Reset tra i viali del cimitero e in un episodio riportato nell’ordinanza, i carabinieri hanno visto donne che consegnavano soldi al seppellitore Alfonso Intravaia, mentre Girolamo Ingrassia, un altro dipendente, scaricava quatto casse di zinco dai furgoni.

Alla vigilia dell’arresto dell’ex direttore del Cimitero dei Rotoli a Palermo, accusato di aver intascato mazzette, il sindaco aveva revocato l’incarico di Direttore del Cimitero al funzionario che ne aveva preso il posto». «Lo stesso direttore - spiega Leoluca Orlando in una nota - è stato trasferito ad altra Area dell’amministrazione per il ripetuto ostacolo frapposto alla piena esecuzione delle mie ordinanze, non ultimo il mancato avvio delle attività di esumazione dai campi più vecchi del cimitero, operazione che renderebbe disponibili centinaia di sepolture». Orlando ricorda di avere disposto di recente «la massiccia rotazione del personale».  Nel corso della giornata l’Amministrazione emetterà una seconda nota a cura degli uffici per fare il punto della situazione relativamente alle salme a deposito ed alle azioni in corso e programmate per il superamento dell’emergenza.

Orlando ha revocato l’incarico anche al nuovo dirigente dei cimiteri di Palermo Antonino Pavia, che a febbraio aveva sostituito l’ex direttore Cosimo De Roberto arrestato oggi dai carabinieri con l’accusa di corruzione e concussione. «Proprio ieri su mia richiesta è stato revocato l’incarico di Direttore del Cimitero al funzionario che aveva preso il posto del dipendente posto oggi agli arresti domiciliari - dice il sindaco - Lo stesso direttore è stato trasferito ad altra Area dell’amministrazione per il ripetuto ostacolo frapposto alla piena esecuzione delle mie ordinanze, non ultimo il mancato avvio delle attività di esumazione dai campi più vecchi del cimitero, operazione che renderebbe disponibili centinaia di sepolture».

Per Orlando «è evidente che la situazione di emergenza al cimitero è stata alimentata da interessi e comportamenti certamente in conflitto con l’interesse della comunità, oltre che contro le disposizioni dell’amministrazione comunale. Anche per questo, oltre che del direttore, ho disposto la massiccia rotazione del personale». Il sindaco esprime infine "il più vivo apprezzamento a tutte le attività di indagine rivolte ad accertare responsabilità di chiunque e cui ovviamente l'amministrazione collabora e collaborerà».

Nel corso della giornata l’amministrazione emetterà una seconda nota a cura degli uffici per dare il punto della situazione relativamente alle salme a deposito ed alle azioni in corso e programmate per il superamento dell’emergenza.

 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook