Venerdì, 24 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Femminicidio a Bronte, uccide la moglie a coltellate nel giorno della separazione
LA TRAGEDIA

Femminicidio a Bronte, uccide la moglie a coltellate nel giorno della separazione

Un uomo di 47 anni ha ucciso la moglie, di 46 anni, a coltellate e poi ha rivolto l’arma contro se stesso, colpendosi all’addome, nel tentativo di togliersi la vita
Sicilia, Cronaca
Ada Rotini uccisa a Bronte

Ancora un femminicidio in provincia di Catania: a Bronte, un uomo di 47 anni, Filippo Asero, ha ucciso la moglie, Ada Rotini, di 46 anni, a coltellate e poi ha rivolto l’arma contro se stesso, colpendosi all’addome, nel tentativo di togliersi la vita. L'aggressione è avvenuta in via Boscia, nel centro storico di Bronte, dove abita l’uomo, proprio nel giorno dell’udienza di separazione della coppia. L’aggressore è stato ricoverato all’ospedale Cannizzaro di Catania.

Da Roberta Siragusa a Alessandra Zorzin: sono già 48 i femminicidi nel 2021

Sul posto sono intervenuti i carabinieri che indagano per ricostruire quanto accaduto. Poche settimane fa ad Acitrezza, un’altra vittima: Vanessa Zappalà, 26 anni, uccisa dall’ex Antonino Sciuto di 38 che poi si è tolto la vita.

Un anziano è rimasto ferito nel tentativo di difendere Ada Rotini dall’aggressione del marito, Filippo Asero, che l’ha uccisa ferendola mortalmente con un coltello alla gola. L’uomo, che si era frapposto fra i due, ha riportato una lesione da arma da taglio a un braccio ed è ricoverato nell’ospedale di Bronte. Secondo una prima ricostruzione, l’anziano sarebbe la persona che la vittima assisteva come badante.

Asero e l’anziano abitano nella stessa strada e quando ha visto arrivare la moglie che andava al lavoro sarebbe sceso in strada per affrontarla e l’ha uccisa. La donna quando sono arrivate le ambulanze del 118 era già deceduta. Asero, che ha tentato il suicidio rivolgendo l’arma contro se stesso, è stato trasportato con un elicottero del 118 nell’ospedale Cannizzaro di Catania, dove è arrivato con ancora il coltello nell’addome ed è stato sottoposto a un delicato intervento di chirurgia. Sulla vicenda indagano i carabinieri coordinati dalla Procura distrettuale di Catania.

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook