Venerdì, 09 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Evasione fiscale, a processo Tommaso Geraci. Il fratello custodiva i gioielli di Totò Riina
A MARSALA

Evasione fiscale, a processo Tommaso Geraci. Il fratello custodiva i gioielli di Totò Riina

Oltre al 67enne accusati anche la moglie Maria Lucrezia Roccafiorita, i figli Antonino e Irene, e Nicolò Marcello D’Alberti
evasione fiscale, marsala, Sicilia, Cronaca
Tribunale di Marsala

Tommaso Geraci, 67 anni, di Castelvetrano (fratello di Francesco Geraci, accusato di aver custodito gioielli di Totò Riina, poi arrestato e quindi pentitosi), la moglie Maria Lucrezia Roccafiorita, di 62, i figli Antonino e Irene, di 39 e 34 anni, nonché Nicolò Marcello D’Alberti, di 58 anni, di Marsala, sono sotto processo, in Tribunale a Marsala, a vario titolo accusati dei reati di riciclaggio, appropriazione indebita e false fatturazioni per 675 mila euro finalizzate all’evasione fiscale.

Tra il 2012 e 2017, a fornire centinaia di false fatturazioni, secondo l’accusa per operazioni «inesistenti», sarebbe stato D’Alberti, titolare di una ditta individuale a Marsala, che, dopo avere ricevuto bonifici per 624 mila euro dal conto corrente della società «G.i.a. srl», di cui erano amministratori Tommaso e Antonino Geraci e che gestiva due «compro oro», uno a Castelvetrano e l’altro a Mazara del Vallo, avrebbe restituito le somme in contanti. E con questo denaro i Geraci avrebbero acquistato, secondo i magistrati, oggetti in oro di «provenienza illecita» (per l’accusa, frutto di rapine) commissionandone la fusione alla società «Valmet», ignara dei retroscena.
Il denaro fu, inoltre, sempre secondo gli investigatori, impiegato anche per due contratti di franchising con la ditta «Canna store» per l'apertura di altrettanti punti vendita di «Cannabis Amsterdam store» a Marsala e a Mazara. Per questi fatti, Tommaso e Antonino Geraci furono arrestati nel febbraio 2019. Furono sequestrati una villa, conti correnti e altri beni per un valore complessivo di un milione e 700 mila euro.
L’indagine, condotta dalla Guardia di Finanza, fu coordinata dal pm della Procura di Marsala, Antonella Trainito (adesso, pm nel processo è, invece, Roberto Piscitello).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook