Giovedì, 29 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Dopo il lockdown, in Sicilia: il corto "Fiori, fiori, fiori" e l’emozione di ritrovare i luoghi dell'infanzia
CINEMA

Dopo il lockdown, in Sicilia: il corto "Fiori, fiori, fiori" e l’emozione di ritrovare i luoghi dell'infanzia

di
cinema, coronavirus, film, Luca Guadagnino, Sicilia, Cultura
Luca Guadagnino

Intanto una buona notizia: «Il sequel di Chiamami col tuo nome si farà, ci sto lavorando, anche se è presto parlare di set», dice all’Ansa Luca Guadagnino, confermando il progetto atteso moltissimo dai giovani che del film del 2017, tratto dal romanzo di Andrè Aciman, hanno fatto un cult e reso il protagonista Timothée Chalamet uno dei beniamini della generazione. Il cineasta-autore-produttore è a Venezia per presentare il cortometraggio girato durante il lockdown, “Fiori, fiori, fiori” e il documentario fuori concorso “Salvatore - Shoemaker of dreams” dedicato alla straordinaria avventura di Ferragamo (uscirà in sala con Lucky Red nel 2021) e dal 18 al 26 settembre sarà presidente della giuria del festival di San Sebastian durante il quale in prima mondiale si vedrà il suo debutto nelle serie tv, “We are who we are”, su Sky dal 9 ottobre.

Il Covid, seppure cambia regole di produzione e sensibilità, non lo ferma davvero. «Stiamo combattendo a mani nude contro chi vuole dirci che il cinema abbia un futuro di streaming, io sono dalla parte di chi ritiene che l’esigenza fondamentale della condivisione nella sala buia sarà invece sempre più potente e sono grato ai festival per sostenere il cinema al cinema, un vero e proprio endorsement come quello che stanno facendo Alberto Barbera e Roberto Cicutto a Venezia 77. Quando sono stato invitato a San Sebastian non ho avuto un attimo di esitazione, anche se in Spagna la pandemia non è certo ferma, ma credo che bisogna esserci. Il Covid mi sta cambiando? Certo, il rapporto con la creatività non è lo stesso, si viaggia meno, ci sono tante regole, io stesso sono in crisi per mettere in scena le scene d’amore e di passione, ma non mi fermo per questo».

Nel lockdown è «aumentato in maniera universale il desiderio di muoversi. Io ero a Milano, soffrivo anche per motivi privati la situazione e mi è salito fortissimo il desiderio di tornare nei luoghi della mia infanzia – racconta Guadagnino – e bussare alle porte di persone care. Sono sceso in Sicilia, sono andato a Canicattì dove sono cresciuto ed è stato rigenerante». Opera definita «fulminea ma intensa», è nata a maggio di quest’anno: il regista è partito da Milano assieme al fotografo Alessio Bolzoni per approdare alla natia Sicilia, componendo (con Iphone e Ipad), un piccolo gioello sul vissuto ai tempi del lockdown, più o meno. Nel corto si vede un Guadagnino emozionato come un bambino di ritrovare volti familiari, luoghi, persino odori.

In “Salvatore - Shoemaker of dreams”, Guadagnino racconta il designer delle scarpe con un’incredibile abbondanza di materiali d’archivio rintracciati a Firenze in casa Ferragamo a Palazzo Spini Feroni, ma anche a Hollywood dove il ciabattino dello sperduto Bonito in provincia di Avellino «venuto dal meno di nulla», come dice la figlia Giovanna, emozionata come il fratello Leonardo, è amato e riconosciuto tra i pionieri dell’industria cinematografica dell’epoca d’oro. Il film è un tesoro di informazioni, aneddoti, curiosità, alla maniacalità artigianale che è una delle tante eredità portate avanti dalla famiglia. «E’ stato un genio», ribadisce Guadagnino. Per la famiglia dello stilista (1898-1960), «far conoscere la storia di nostro padre, straordinaria testimonianza di creatività imprenditoriale, era un sogno». Il legame di Guadagnino con la moda è noto: «Ancestrale, archetipico, ho imparato ad amarla osservando il guardaroba di mia madre e di mia zia, la moda ha la capacità incredibile di anticipare i desideri , persino crearli. Certo, è anche business e in questo il sistema moda con la sua dittatura del cambiamento è diventata anche altro su cui bisognerebbe riflettere. Il cinema per me non ha le risonanze immaginifiche per competere con il linguaggio della moda».

Il legame tra Guadagnino e Ferragamo è «nella ricerca della bellezza, con incredibile modestia. Ha sempre vissuto la sua vita come un outsider, qualcuno fuori dal coro. E in questo mi sento per il cinema proprio come lui».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook