Martedì, 24 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Piano di qualità dell'aria, raffinerie siciliane al bivio: proteste a Milazzo
IL CASO

Piano di qualità dell'aria, raffinerie siciliane al bivio: proteste a Milazzo

La sensazione è che si stia sottovalutando la vertenza della Raffineria. E a comprenderlo non sono solo i sindacati ma anche gli stessi lavoratori che, dopo aver protestato la scorsa settimana davanti al Comune di Milazzo, hanno deciso di dare mandato a coloro che li rappresentano di dichiarare lo stato di agitazione permanente per l'inapplicabilità del “Piano regionale di qualità dell'aria” con il conseguente rischio di chiusura degli impianti.

Una situazione che preoccupa perché sino ad ora gli appelli lanciati alla Regione, anche dalle istituzioni locali, sono rimasti inascoltati. Da qui l'inizio di una mobilitazione che - affermano le maestranze - avrà ripercussioni anche sulla prossima campagna elettorale in programma nella città del Capo qualora il governo Musumeci dovesse persistere in tale atteggiamento omissivo.

Il nodo, tuttavia, non riguarda solo Milazzo ma tutte le realtà industriali siciliane in quanto - affermano i segretari di Cgil-Cisl e Uil del settore chimico - il Piano regionale di tutela della qualità dell'aria approvato dalla Giunta della Regione Siciliana nel luglio del 2018 ha modificato i valori per le emissioni per gli impianti industriali che operano nell'isola.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Messina

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook