Domenica, 25 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
QUOTE ROSA

Sicilia, l'Ars boccia la norma per garantire il 40% di donne nelle giunte comunali

bocciata norma, donne in giunta, sicilia ars, Claudio Fava, Gianfranco Miccichè, Sicilia, Politica
L'Assemblea Regionale Siciliana

Bocciata dall’Ars la norma che stabiliva l’obbligo di garantire il 40 per cento di presenza delle donne nelle giunte comunali. Con voto segreto è passata, infatti, la norma soppressiva del Movimento cinque stelle. Battuto il governo. Di «brutta pagina» parla il presidente dell’Assemblea, Gianfranco Miccichè: «Un emendamento dei 5 Stelle ha proibito la rappresentanza delle donne nelle giunte comunali».

E’ l’effetto, dunque, della votazione a scrutinio segreto dell’emendamento che ha soppresso l’articolo 1 del disegno di legge «Norme in materia di composizione della giunta comunale e di incompatibilità tra la carica di consigliere comunale e la carica di assessore comunale».

L’articolo 1 del ddl prevedeva nei Comuni con popolazione fino a 15 mila abitanti Giunte composte in modo da garantire la rappresentanza di entrambi i generi: «Nei comuni con popolazione superiore a 15 mila abitanti, la giunta è composta in modo da garantire almeno il 40 per cento della rappresentanza di genere».

Protesta anche il deputato Claudio Fava, presidente dell’Antimafia regionale: «E' stata così affossata una norma di civiltà politica e di buon senso, peraltro già prevista dalla legge nazionale. Un’altra occasione perduta per la Sicilia grazie a un accordo trasversale fra destra e una parte dell’opposizione, talmente imbarazzato dover ricorrere al voto segreto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook