Lunedì, 28 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Attacco di Musumeci ai dipendenti regionali, il sindacato: "Lo quereliamo"
LO SCONTRO

Attacco di Musumeci ai dipendenti regionali, il sindacato: "Lo quereliamo"

regione siciliana, sindacati, Nello Musumeci, Sicilia, Politica
Regione Siciliana

Il sindacato Cobas/Codir, che conta numerosi iscritti tra i 13 mila dipendenti della Regione siciliana, annuncia che ha dato mandato ai propri legali di valutare «ogni possibile aspetto che violi le leggi per denunciare e querelare Musumeci». Ieri il governatore siciliano, nel corso di un convegno sull'energia a Catania, aveva detto che «l'80% dei dipendenti regionali si gratta la pancia».

Secondo il sindacato, «il mandato esperito fino ad oggi dal Presidente della Regione appare, dopo quasi tre anni, in perfetta sintonia - senza soluzione di continuità - con quanto subìto dalla Sicilia e dai siciliani con il periodo Crocetta. Musumeci dovrebbe spiegare ai siciliani come mai, se l’80% dei regionali 'si gratta la pancia' come rivela lui, i suoi fidati dirigenti generali - generati dalla sua politica - a fine anno raggiungono tutti i risultati e vengono premiati con il massimo possibile di indennità. E come mai un paio di giorni fa all’Assemblea siciliana ha raccontato risultati fantasmagorici tanto da irritare le opposizioni che adesso lavorano per sfiduciarlo».

Musumeci, evidentemente incapace di affrontare i problemi della Sicilia e anche impaurito dall’uso dello 'smart working', conferma di avere una visione inadeguata del lavoro, per lui il problema sembra che sia solo controllare che i dipendenti stiano seduti su una sedia del posto di lavoro, non che siano efficienti».

«Sbigottiti. Per un attacco generico e sconsiderato». Così Cgil Cisl e Uil siciliane e le loro federazioni del pubblico impiego all’indomani dell’intervento a Catania del presidente della Regione, durante il quale Musumeci ha definito i dipendenti regionali «improduttivi», gente che «si gratta la pancia dalla mattina alla sera».

«Affermazioni gratuite, che lasciano senza parole - denunciano i sindacati - non solo perché poco eleganti, per dirla così. Ma anche perché pronunciate dal formale datore di lavoro. È perché a quella sentenza Musumeci non ha affiancato riferimenti o riscontri concreti e neppure l’impegno formale a realizzare finalmente la riforma della pubblica amministrazione».

Scrivono Cgil Cisl e Uil: «È l’ennesimo scivolone del presidente, dopo le infelici uscite sui dirigenti accostati incautamente ad altri mali. E dire - rilevano - che Musumeci si era vantato di aver incluso nel suo programma elettorale riforme importanti per l’efficienza della macchina amministrativa e l'innovazione digitale».

Per i confederali, «è la riforma che non c'è, la chiave di tutto». «Fare finta di nulla - sostengono - lasciare il mondo com'è e poi andare addosso ai lavoratori, fa pensare al tentativo di scaricare sui dipendenti l’incapacità di realizzarla, la riforma». Ai lavoratori, va anzi il grazie di Cgil Cisl e Uil. «Perché che da soli e con le loro sole forze - scrivono - hanno affrontato la sfida del lavoro agile in piena emergenza Covid, sia da casa che sul territorio, come il corpo forestale e la protezione civile».

Al governatore, continuano i confederali e le federazioni del pubblico impiego, «ripetiamo di essere pronti a raccoglierla, la sfida della riforma. Ma seriamente. Ne metta all’ordine del giorno il varo e ci convochi».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook