Domenica, 03 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Sgarbi “cancella” la mostra di Segesta. Editto di Musumeci, Samonà esegue
POLEMICA

Sgarbi “cancella” la mostra di Segesta. Editto di Musumeci, Samonà esegue

di
Il noto critico d’arte boccia l’allestimento artistico nel parco archeologico. Eppure era stato lo stesso assessore a lodare il progetto
Sicilia, Politica
“La spirale” in ferro e vetro, opera del greco Costas Varostos

L’arte contemporanea, la scomunica di Sgarbi e le prossime elezioni creano nel governo regionale siciliano un nuovo ingorgo. Il coro circuito costringe l’assessore ai Beni culturali a un’imbarazzante marcia indietro sulla realizzazione della mostra promossa dalla Fondazione Merz a Segesta. Quello di Musumeci è stato un ultimatum indotto dal pluridecorato critico d’arte e da un dispettuccio politico in chiave antiLega, il partito di Samonà, il quale da assessore si è buttato a capofitto (senza dimettersi) nella campagna elettorale di Palermo.
«L'allestimento artistico attualmente ospitato a Segesta va spostato in altro luogo», ha ordinato il governatore, annunciando il provvedimento «già firmato» da Samonà e finalizzato «a far sì che ogni singolo allestimento di arte contemporanea da realizzarsi in aree e Parchi archeologici – scrive Samonà – venga preceduto dalla presentazione, da parte del soggetto proponente, di un dettagliato progetto espositivo da sottoporre alla autorizzazione dipartimentale».
Eppure era stato lo stesso assessore Samonà ad accogliere il progetto a braccia aperte, esaltando il dialogo tra antico e moderno. Uno sguardo moderno che s’inoltra negli abissi della storia: «Negli stessi mesi in cui la Regione promuove la ripresa di innumerevoli missioni archeologiche – affermava l'assessore regionale ai Beni culturali nella cerimonia d’inaugurazione della mostra – si cercano nuovi codici di lettura come in questo caso. È un’iniziativa che nasce dall'idea che i nostri i nostri templi, i luoghi dell'archeologia, non sono solo appannaggio di studiosi e turisti, ma sono soprattutto spazi aperti alla riflessione e all'ascolto».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook