Lunedì, 19 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
LA STORIA

La passione di Antonio Tancredi, il più giovane "puparo" d'Italia

Le passioni nascono in tenera età. Vero se se queste sono capaci di farci viaggiare nel tempo e di farci vivere emozioni che altrimenti sarebbero solo relegate al ricordo. E’ il caso di un bambino di Palermo, Antonio Tancredi Cadili, che si è lasciato trascinare così tanto nella sua bella passione da diventare il puparo più giovane d’Italia.

Le gesta di Orlando e Rinaldo, che sono uno dei simboli delle tradizioni popolari siciliane, tanto da essere tutelate dall’Unesco nella sua lista del patrimonio immateriale, vengono animate da Antonio nella sua casa a due passi dalla Cattedrale di Palermo.

Una stanza magica, quella di Antonio, che è come un piccolo teatro, fra affreschi e pupi di ogni genere che servono a dare vita alla sua passione. Armato di papillon e con la voce squillante e chiara tipica dei bambini, il piccolo prodigio è capace di immedesimarsi nelle storie con audacia e precisione stilistica.

L’arte dei pupi, racconta Antonio Tancredi, “serve a i bambini a imparare nuovi giochi non noiosi. L’opera dei pupi si sta perdendo. I pupi hanno un’anima ed essere un pupo è come vivere in una favola”.

Ma cosa sono i pupi senza la musica che ne accompagna le narrazioni? Ecco allora che Antonio non nasconde anche un’altra passione, quella per il pianoforte. Un enfant prodige, è il caso di dire, che stupisce con il suo essere un bambino dalle grandi passioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook