Martedì, 20 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Omicidio per rappresaglia a Palermo, in sei condannati all'ergastolo - Nomi e foto

Omicidio per rappresaglia a Palermo, in sei condannati all'ergastolo - Nomi e foto

La seconda sezione della corte d’assise di Palermo, presieduta da Alfredo Montalto, ha inflitto sei ergastoli per l’omicidio di Mirko Sciacchitano, un giovane assassinato nel capoluogo siciliano a ottobre del 2015; ventidue anni e mezzo di carcere all’unico imputato che rispondeva solo di associazione mafiosa, Giuseppe Greco, condannato nella qualità di reggente del mandamento di Santa Maria di Gesù.

La massima pena è stata inflitta a Natale Giuseppe Gambino, a Francesco e Gabriele Pedalino, Domenico Ilardi, Antonino Profeta e Lorenzo Scarantino. Imputato originariamente anche il boss Salvatore Profeta, padre di Antonino e oggi deceduto. Lui, capomafia di Santa Maria, con Gambino aveva scontato 15 anni di carcere ingiusto, perchè accusato dal falso pentito Vincenzo Scarantino della strage di via D’Amelio. Entrambi avevano poi ottenuto la revisione del processo e l’assoluzione. Ora per Gambino la nuova condanna all’ergastolo.

Sciacchitano fu ucciso dopo un precedente raid, che poche ore prima aveva portato al ferimento di Luigi Cona, titolare di una polleria di Falsomiele: l’agguato era stato portato a termine da Francesco Urso, accompagnato da Sciacchitano, ma la quasi immediata rappresaglia colpì solo il giovane, perchè Urso (a sua volta figlio di un altro ergastolano di via D’Amelio, Giuseppe, anche lui assolto dopo le false accuse di Scarantino) era riuscito a far perdere le proprie tracce.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook