Domenica, 07 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca La morte della piccola Elena. Uccisa a coltellate dalla madre: la gelosia il possibile movente

La morte della piccola Elena. Uccisa a coltellate dalla madre: la gelosia il possibile movente

Martina Patti, 23 anni, ha confessato a carabinieri e Procura di avere ucciso la figlia Elena di 5 anni. Il rapimento era una messa in scena per coprire l’omicidio. «Non ero in me» avrebbe detto ai militari la donna. Non è riuscita a fornire una dinamica completa del delitto né del movente. La Procura sta predisponendo l'accusa per omicidio pluriaggravato e occultamento di cadavere. Questa mattina, nel corso del sopralluogo nella casa di famiglia, a Mascalucia, la donna è crollata in un lungo pianto e poco dopo ha portato i militari nel campo dove aveva nascosto il corpo della bambina. Non c'era stato alcun rapimento, alcuna aggressione da parte di uomini armati, una denuncia che aveva subito lasciato perplessi gli investigatori del comando provinciale dei carabinieri diretto dal colonnello Rino Coppola.

La ricostruzione del brutale delitto, l'omicidio è stato premeditato

Elena, 5 anni, sarebbe stata uccisa nella sua abitazione a Mascalucia dalla madre che avrebbe poi portato e nascosto il corpo della piccola in un vicino terreno di campagna abbandonato, cercando di coprire il cadavere con della terra e cenere lavica. Il delitto sarebbe stato commesso dopo che la donna aveva preso la bambina all’asilo. L’omicidio è stato premeditato. «Prima di andare a prendere la bambina all’asilo, la donna si è procurata una pala e una zappa e le ha portate sul luogo», hanno affermato i carabinieri nel corso di una conferenza stampa. L’ha colpita più volte con un coltello da cucina e poi ha messo il corpicino in dei sacchi neri, prima di nasconderlo sotto terra. Così Martina Patti, secondo quanto lei stessa ha raccontato a investigatori e inquirenti, ha ucciso la figlia Elena. La donna, sottolinea la procura, ha anche precisato di aver «portato a termine l’orrendo crimine in maniera solitaria».

L'arma sarebbe stata appunto un coltello da cucina, che però non è stato trovato. Un primo esame effettuato dal medico legale "ha evidenziato ferite da armi da punta e taglio alla regione cervicale e intrascapolare" dice la procura, che ha disposto l'autopsia per stabilire con certezza come è morta la piccola

Quadro familiare infelice

Quello che è emerso dalle indagini è un «quadro di una famiglia non felice, in cui la gioia della figlia non ha compattato la coppia». Lo ha detto il comandante del reparto operativo dei Carabinieri di Catania, il colonnello Piercarmine Sica, in conferenza stampa dopo il fermo della madre della piccola Elena, escludendo che vi sia «il coinvolgimento di altri» nell’omicidio. Il movente, ha confermato l’ufficiale, «può essere la gelosia nei confronti della nuova compagna dell’ex convivente ma anche per l’affetto che Elena mostrava nei confronti della donna». Su questo però Martina Patti «non ha detto nulla. E’ rimasta sul vago, come se non si fosse resa conto di quello che ha fatto. E' come se avesse detto "l'ho fatto ma non so perché"».

La donna studiava al Policlinico di Messina

Martina Patti, 23 anni, frequentava il terzo anno del corso di infermieristica al Policlinico di Messina, dove molte colleghe la ricordano.

Il nonno paterno: "Voglio mia nipote"

«È mia nipote, non mi toccate, fatemi passare, voglio il suo corpo è mia...». Urla così, drammaticamente scosso, il nonno paterno di Elena, appena arrivato con la moglie sul posto del ritrovamento del cadavere della nipote.

La nonna: "Le avevamo creduto"

«Avevamo creduto alla storia degli uomini incappucciati: non avevamo ragione di non credere. Elena era una bimba meravigliosa». Così Rosaria Testa, nonna paterna della bambina, nel luogo del ritrovamento del corpo della nipotina. "Quando hanno litigato non voleva andare via da casa - ricorda la donna distrutta dal dolore - un giorno la mamma le stava dando botte e gliela abbiamo dovuta togliere dalle mani. Quella mattina l’ho accompagnata a scuola e le ho detto "nessuno ti vuole bene più di me". Lei mi ha guardata e mi ha fatto capire che aveva capito quello che avevo detto. La madre aveva un atteggiamento autoritario e aristocratico. Decideva lei quando portarci la bambina».

Il parroco: "C'è un angelo in Paradiso"

«C'è un angelo in Paradiso o una mamma che non stava bene psicologicamente o qualcuno ha combinato qualche pasticcio. La nostra società ha gli eroi e i disgraziati. Che questa vicenda diventi un motivo per riflettere sul valore della vita e sull'assistenza da fare alle persone che non stanno bene con la testa». Così sulla vicenda della piccola Elena il parroco di Massannunziata e rettore del santuario di Monpilieri, padre Alfio Privitera.

Don Fortunato Di Noto: "Follia disumana"

"Attendevamo con grande speranza e trepidazione l’epilogo positivo del sospetto rapimento della piccola Elena Del Porto. Ma la triste notizia è che la piccola Elena, non era stata rapita e la madre crollata in pianto ha portato i militari nel luogo dove aveva nascosto il corpo della bambina. E’ una notizia sconvolgente anche se aspettiamo maggiori dettagli su una vicenda dolorosa e tragica". "Non ho più parole, - dichiara don Fortunato Di Noto, fondatore di Meter, associazione a tutela dei minori -; sono particolarmente paralizzato emotivamente e fatico a elaborare pensieri e ragionamenti. I bambini soppressi e eliminati e aggiungo abusati, sono la piena e manifesta situazione non solo delle fragilità umane, ma della disumana follia di un potere oppressivo e soppressivo del mondo degli adulti che non sanno gestire la rabbia o il loro fallimento e che cancellano come un file la vita dei bambini. Un fallimento che ci interpella per offrire punti certi di riferimento di aiuto nelle conflittualità genitoriali e nelle tragedie che si consumano dentro le mura domestiche".
"Il fenomeno del bambinicidio è sotto i nostri occhi, sono centinaia i bambini soppressi ed eliminati dalla mano di chi dovrebbe amarli, tutelarli, accudirli, proteggerli, e a volte, non sempre, non è così. Rimane il dolore, la confusione, la tristezza, ma deve esserci, l’impegno costante, permanente per tutelare sempre più i bambini, partendo sempre e comunque dai bambini. Riposa in pace e i bambini martiri, santi, beati possano giocare con te, piccola Elena" aggiunge il sacerdote.

Sindaco di Mascalucia: "Sono sconvolto, ho pianto a dirotto"

«Sono sconvolto. Appena ho saputo la notizia sono scoppiato in un pianto a dirotto. E’ una vicenda di una drammaticità unica che non avremmo mai voluto apprendere». Così il sindaco di Mascalucia, Enzo Magra, sul ritrovamento del cadavere della piccola Elena.

La zia di Elena: "La mamma voleva incastrare mio fratello"

«Martina Patti, la mamma di Elena, voleva incastrare mio fratello. Un anno fa mio fratello fu accusato ingiustamente di una rapina, ma fortunatamente fu scagionato completamente. Quando dal carcere passò ai domiciliari, sotto casa trovammo un biglietto di minacce con scritto: "Non fare lo sbirro, attento a quello che fai". Mio fratello non sa nulla di nulla. A quel biglietto la madre della bimba ha fatto riferimento dicendo che avevano rapito Elena». Lo ha affermato Martina Vanessa del Pozzo, zia paterna della piccola, parlando con i giornalisti nella zona in cui è stato recuperato il corpo della nipotina.

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook