Martedì, 04 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Castelvetrano si ribella alla mafia: canti, balli e... slogan contro Messina Denaro FOTO

Castelvetrano si ribella alla mafia: canti, balli e... slogan contro Messina Denaro FOTO

Oltre diecimila giovani hanno ballato fino a notte fonda, scandendo slogan contro la mafia, nel Parco di Selinunte a Castelvetrano, un tempo «regno» del boss latitante Matteo Messina Denaro, dove si è svolto l’evento «Musica e Legalità» e la mostra «L'eredità di Falcone e Borsellino». Un’iniziativa promossa dalla testimone di giustizia Valeria Grasso.
Nel cuore del parco archeologico più grande d’Europa, al cospetto del tempio di Hera, Paul Kalkbrenner, artista tedesco di musica elettronica di fama internazionale, è stato la star dell’Unlocked Music Festival. Una folla festante di ragazzi provenienti da tutta Europa che nonostante la serata afosa, rinfrescata dal getto degli idranti, hanno potuto assistere al concerto e alla magia del tramonto sull'Acropoli. Testimonial  d’eccezione dell’evento il Capitano Ultimo, il colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio che nel 1993 arrestò Totò Riina. "Sono diventato uomo grazie alla Sicilia e al popolo siciliano.
Abbiamo combattuto contro l’arroganza, la violenza, contro la mafia» ha detto l’ufficiale rivolgendo un invito a tutti i giovani presenti: «La lotta alla mafia deve essere una lotta di popolo. Niente può fermare il vostro amore, la vostra rabbia, la vostra dolcezza, la vostra voglia di libertà. E quest’amore fa paura e devono avere paura di voi». Anche Valeria Grasso, l'imprenditrice che vive sotto scorta dopo avere denunciato il clan Madonia, storica famiglia mafiosa del mandamento palermitano di San Lorenzo, ha lanciato un appello: «Lo Stato non può e non deve abbandonare chi si si ribella al pizzo, chi si oppone alla mafia e diventa un perno fondamentale per la lotta alla criminalità. Chi ha denunciato deve essere sostenuto, supportato, deve fare la differenza. E la differenza la fanno i fatti e non le parole». Sul palco pure il direttore del Parco archeologico Felice Crescente, che ha sottolineato la valenza simbolica dell’iniziativa in un territorio come quello di Castelvetrano: «Vogliamo offrire a voi ragazzi un’immagine della ricchezza straordinaria rappresentata dalla nostra storia millenaria e dalla nostra cultura, come testimonia il tempio alle nostre spalle. E la musica rappresenta certamente una attrattiva importante per avvicinarvi alla bellezza del nostro passato e a temi attuali come quello della legalità».

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook