Giovedì, 12 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

L'Infiorata di Noto è alle porte: tutto pronto per la 40esima edizione, le foto

Prende il via l’edizione 40 dell'Infiorata di Noto, quest’anno dedicata ai Siciliani in America. Il titolo della manifestazione è “Vieni ca ci cuntu - Storie di Sicilia in America”. Dopo il disegno sul selciato dei bozzetti, oggi è il giorno della preparazione dei fiori e dei petali che saranno utilizzati domani notte dagli infioratori netini.

L’appuntamento è alle 15 nel cortile dell’ex scuola Vincenzo Littara, in via Cavour, e protagonisti saranno proprio gli infioratori: saranno loro a preparare i petali. In caso di maltempo, le operazioni di svolgeranno all’interno dell’edificio di via Cavour. Già questa mattina i ragazzi di Casa Tobia e del Centro Pda del Comune di Noto hanno cominciato la “spetalatura” dei fiori. L’Infiorata diventa così anche integrazione e socializzazione.

La macchina organizzativa è in moto, la città è in fermento: le scale di via Mariannina Coffa e di via Galileo sono già state decorate, così come sulla Porta Ferdinandea sono esposte le bandiere di Stati Uniti d’America, Canada e Italia.

Si parte domani alle 16 dalla Porta Ferdinandea da dove partirà il lungo corteo degli infioratori, aperto dai musici e sbandieratori. Alle 16.30 foto di rito in piazza Municipio e alle 17.00 il tradizionale taglio del nastro in via Nicolaci che darà il via alla realizzazione dei bozzetti infiorati. Alle 17.45 l’inaugurazione nella Sala Gagliardi di Casa America, a cura dell’Accademia di Belle Arti di Catania, seguita dall’inaugurazione della mostra fotografica di Santi Visalli (ore 18 - Cortile del Convitto delle Arti) dal titolo “E le stelle stanno a guardare”, seguita dalla presentazione del libro “Dall’altra parte della luna” del giornalista Lucio Luca. Previsti anche alcuni spettacoli con musica live in piazza XVI Maggio, via Fratelli Bandiera e piazza Pisasale (piazza del Carmine).

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook