Lunedì, 29 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Carcere di Caltagirone, protocollo per il recupero di una sosta camper

Carcere di Caltagirone, protocollo per il recupero di una sosta camper

È stato firmato questa mattina, alle 10.30, alla Casa circondariale di Caltagirone, il protocollo d'intesa che impegna il Comune di Caltagirone, la Casa circondariale e la Crivop Italia Odv e prevede il recupero di una sosta camper che versava in stato di abbandono. Il progetto vedrà coinvolti direttamente i detenuti, che potranno, come prevede il nostro ordinamento giuridico, sperimentare il valore rieducativo della pena.

"Siamo soddisfatti - ha dichiarato Michele Recupero, presidente della Crivop Italia - perché il Comune ha manifestato la volontà di migliorare uno spazio che versava in uno stato di degrado dedicato ad area sosta camper. E la cosa più importante è che saranno proprio i detenuti a contributi al miglioramento e alla valorizzazione di questo luogo che servirà ai tanti che ne hanno bisogno. Adesso si inizierà con poche ore a settimana, ma non escludiamo che in futuro si possa arrivare a un impegno di 24 ore su 24. E così, prevedendo dei costi di gestione, si potrà arrivare a creare un modo per sostenere non solo coloro che devono scontare una pena ma anche le loro famiglie che spesso versano in condizioni disagiate".

Il protocollo d'intesa è stato firmato dalla dottoressa Giorgia Gruttadauria, direttore della Casa circondariale di Caltagirone, dal sindaco di Caltagirone, l'avvocato Giovanni Ioppolo, e dal fondatore della Crivop Italia, Michele Recupero. I firmatari si sono impegnati a realizzare un progetto denominato "Sosta camper Crivop". Il Comune di Caltagirone darà in gestione a Crivop Italia, per tre anni rinnovabili, l'area sosta camper di San Giovanni. E questo luogo acquisterà una nuova vita per i camperisti che lamentano in Sicilia la mancanza di aree adeguatamente attrezzate: "Ci impegneremo - conclude Recupero - a gestire e coordinare le attività dei detenuti ammessi alle nostre attività, fornire agli stessi direttive e informazioni per migliorare l'efficacia e diminuire il rischio di mancanza di lavoro, consentire l'accesso all'area, la sosta e la fruizione dei servizi, collocare apposite locandine per gli utenti e favorire i detenuti volontari nell'accesso ai servizi socio-sanitari e versare loro eventuali rimborsi e borse lavoro"

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook