Sabato, 18 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

X Factor, anche i Booda in finale: un po' di Sicilia nella corsa alla vittoria

Sognano tutti la vittoria ma sono pure più che convinti che la vera sfida e i traguardi si misureranno dopo, i 4 finalisti di X Factor 2019.

Stasera su Sky Uno l’ultima puntata in una serata dove sono attesi come ospiti Robbie Williams, che duetterà anche con i concorrenti, Ultimo e Lous and The Yakuza.

E nel futuro i 4 sfidanti (Booda - band di cui fa parte la siracusana Federica Buda - Sierra, Davide Rossi e Sofia Tornambene) che hanno incontrato i giornalisti al Forum di Assago, da dove andrà in onda la sfida in diretta, sperano soprattutto di imporsi con un loro stile, la loro personalità e canzoni scritte da loro.

Emozionati, soddisfatti, ma anche con un grande senso di concretezza.

Sanno che la sopravvivenza nella vita sarà molto più crudele che in un talent.

"La televisione è il mezzo che sicuramente può dare grande risalto ma è anche un rischio: da un momento all’altro ti può mettere in cattiva luce e perdi tutto - ha detto il 21/enne Davide Rossi di Rieti -. La vera vittoria è stata la semifinale, quella di giovedì sarà solo una festa, poi cercherò la mia strada, voglio studiare inglese, perfezionare pianoforte e scrivere canzoni mie".

Rossi è l’Under Uomini di Malika Ayane (''Mi ha detto che potrò contare su di lei", ha raccontato il giovane aspirante cantante pop) che ha regalato anche la più grande soddisfazione ai Booda (giudice Samuel).

"Ci ha detto che siamo dei ragazzi molto gentili - raccontano i tre musicisti romani - ed essere riconosciuti come non str...zi in questo ambiente è meraviglioso".

Grintosi quanto basta, anche loro vorrebbero proporre "roba nostra".

"Abbiamo tante idee e soprattutto abbiamo lavorato tanto per cucirci addosso la dimensione di banda live - hanno aggiunto - è il contatto con il pubblico che vogliamo".

Anche i due concorrenti di la Sierra (sempre Samuel) sono contenti della loro esperienza "ma non vogliamo - dicono - restare chiusi in questa scatola".

Entrambi 26 anni, Giacomo e Massimo, romani (''dove praticamente in ogni palazzo c'è qualcuno che fa un disco rap'') ammettono di aver dovuto accettare dei compromessi ma considerano X Factor un tappeto elastico da cui decollare.

"I bilanci li tiriamo nel 2020 - dicono - vogliano trovare un nostro posto nel mercato".

E per Sofia Tornambene, con i suoi 17 anni la più giovane del gruppo, portata da Sfera e considerata tra i favoriti, la vittoria è già aver dimostrato di potercela fare da sola scoprendo punti di forza di se stessa che ancora non conosceva.

"Questa esperienza mi ha sbloccato, considero positivo tutto, i momenti belli e brutti. Anche il taglio di capelli mi ha dato un altro stile e un’altra personalità, vorrei scrivere i miei brani e collaborare con altri artisti e poi ancora studiare, approfondire le mie conoscenze musicali e vorrei trasferirmi a vivere a Milano e poi vedrò".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook