Domenica, 18 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
DDA

Il controllo dell'ippodromo di Palermo nelle mani della mafia: 9 arresti

arresti ippoodromo palermo, arresti mafia palermo, ippodromo palermo, mafia ippodromo palermo, Sicilia, Cronaca
L'ippodromo di Palermo

Il gip del Tribunale di Palermo, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, ha disposto nove misure cautelari, eseguite dai carabinieri, nei confronti di persone accusate a vario titolo di concorso esterno in associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori aggravato in concorso e frode in competizioni sportive. Per otto è stata disposta la custodia cautelare in carcere, per uno i domiciliari.

L’inchiesta, denominata convenzionalmente «COrSA NOSTRA», ha accertato come la mafia controllasse l’ippodromo di Palermo.

L’inchiesta, che ha riguardato fantini, titolari di scuderie e allenatori, ha svelato un sistema di gare truccate gestite da Cosa nostra che decideva quale cavallo dovesse vincere e intascava i soldi delle scommesse. Gli interessi della mafia sull'ippodromo di Palermo erano emersi già in una indagine della dda che, nei mesi scorsi, portò all’arresto, tra gli altri, del boss di San Lorenzo Giovanni Niosi.

I carabinieri, intercettando il capomafia, accertarono i suoi rapporti con alcuni personaggi molto conosciuti nel mondo dell’ippica a Palermo, come Giuseppe Greco, che avrebbe accompagnato più volte Niosi a summit di mafia, Domenico Zanca e la giovane fantina Gloria Zuccaro, tutti arrestati oggi dai carabinieri.

«Cosa nostra esercitava sull'ippodromo un controllo pressoché totale. I proventi delle vincite delle scommesse erano destinati a confluire nelle casse dell’associazione mafiosa ed essere distribuiti. Così pure era chiaro che le intestazioni fraudolente dei cavalli corrispondevano non tanto all’interesse del singolo proprietario ma ad una precisa utilità delle famiglie mafiose che su quei cavalli e su quei fantini finivano per concentrare le puntate».

La mafia all'Ippodromo di Palermo, ecco gli arrestati: nomi e foto

Lo scrive il gip di Palermo nel provvedimento che oggi ha disposto l’arresto di nove persone coinvolte nell’inchiesta sugli interessi mafiosi sull'ippodromo di Palermo. Un 'amore', quello dei boss per i cavalli, che i pentiti raccontano dagli anni '90 e che è stato confermato nei mesi scorsi dall’inchiesta Talea, che ha disarticolato i clan di San Lorenzo e Resuttana.

Collaboratori di giustizia di vecchia data come Onorato, più recentemente Pasta, Graziano, Macaluso, Vitale e Galatolo hanno disvelato gli interessi delle cosche sull'ippodromo raccontando le richieste di pizzo a cui i gestori erano sottoposti (ce ne è traccia ad esempio nei pizzini sequestrati al capomafia Salvatore Lo Piccolo) e il meccanismo delle corse truccate che vedeva coinvolti anche allenatori e fantini. La mafia non solo taglieggiava i gestori della struttura, chiedendo una percentuale del volume d’affari dell’ippodromo che arrivava anche a quattromila euro al mese, ma manipolava le corse guadagnando sulle scommesse.

In carcere sono stati condotti: Natale Cintura, 53 anni, Massimiliano Gibbisi, 48, Giuseppe Greco, 62, Salvatore La Gala, 66, Giovanni La Rosa, 66, Giovanni Niosi, 64, Antonino Porzio, 57, Domenico Zanca, 48. Ai domiciliari è finita Gloria Zuccaro, 38 anni. Sono stati sequestrati i cavalli 'Ronny Alter' della scuderia di Gloria Zuccaro e 'Rarissima Slid sm' e 'Salice del Rum' della scuderia di Giuseppe Greco.

«Perché sia possibile alterare il risultato di una gara - scrive il gip - occorre indurre i fantini che vi partecipano a collaborare». «Non si tratta di una meccanica semplice, ma complessa ed articolata cui si può giungere soltanto per effetto di un intervento molto forte - spiega il magistrato - Le indicazioni acquisite, sia attraverso le intercettazioni che dalle dichiarazioni dei collaboratori, descrivono un tessuto sociale che compone l’ippodromo pesantemente condizionato dalla paura». Il pentito Giovanni Vitale racconta ad esempio che per «convincere» il fantino Biagio Lo Verde a collaborare gli sarebbe stato bruciato il furgone di trasporto dei cavalli.

Per gli inquirenti la gestione mafiosa dell’ippodromo sarebbe passata dal boss Giovanni Nioisi, tra gli arrestati, poi caduto in disgrazia e «destituito», a Sergio Napolitano. L’inchiesta ha individuato «un gruppo di storici fantini che altrettanto storicamente sono vicini agli affiliati mafiosi e si prestano all’opera fraudolenta necessaria per condizionare l’esito delle corse. Questi fantini, nell’approcciare i colleghi che parteciperanno alle corse, renderanno evidente il legame con il mondo mafioso anche qualora non pronunciassero alcun esplicito riferimento».

«Se uno vince pure 100 mila euro all’ippodromo e lascia 10 mila euro di... di... a quelli del luogo: tutto è diviso S. Lorenzo e Resuttana. E lui quando combinava le corse, mandava dei fantini e gli dava un milione o mille euro a quello: 'Non arrivare!', 'Tu devi arrivare primo!', 'Devi vincere quello!'... e tutti puntavamo su qualche cavallo... che anche io ho puntato in qualche cavallo!», racconta il pentito Vitale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook