Sabato, 16 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

"Sistema Montante", finanziere coinvolto prova a comunicare: passa dai domiciliari al carcere

Passa dai domiciliari al carcere il maggiore della Guardia di Finanza Ettore Orfanello, coinvolto nell’inchiesta sul cosiddetto "sistema Montante"; per gli inquirenti avrebbe cercato di inquinare le prove.

Utilizzando il cellulare della badante della suocera, Orfanello avrebbe parlato con un suo ex collaboratore, un sottufficiale delle Fiamme Gialle, e con altri due amici.

"Orfanello - dice il procuratore di Caltanissetta, Amedeo Bertone - ha violato il suo status poiché comunicava con l'esterno. Era anche contento di aver scoperto un sistema di messaggistica non molto utilizzato e pensava di non poter essere intercettato. Ma non sapeva che era intercettato per altro».

Orfanello avrebbe suggerito ai suoi interlocutori di scaricare "Signal", un sistema di messaggistica simile a whatsapp. L'ufficiale è imputato per associazione a delinquere e corruzione nell’ambito del rito ordinario sul caso Montante. «Le condotte di Orfanello - scrive il collegio presieduto da Francesco D’Arrigo (a latere Santi Bologna e Giiulia Calafiore) - devono essere ritenute indicative di disinvolta spregiudicatezza, di pericolosità e inaffidabilità».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook