Domenica, 05 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sea Watch, i migranti: siamo disperati. Scontro tra Salvini e il governo olandese
MIGRANTI

Sea Watch, i migranti: siamo disperati. Scontro tra Salvini e il governo olandese

lampedusa, migrani, sea watch, Carola Rackete, Davide Faraone, Graziano Delrio, Matteo Orfini, Nicola Fratoianni, Riccardo Magi, Sicilia, Cronaca
Migranti sulla Sea Watch

Dopo 24 ore di blocco, intorno alle 15 la Sea Watch 3 punta verso il porto di Lampedusa decisa ad entrare. Ma viene bloccata a poche centinaia di metri da terra. Le Fiamme Gialle salgono a bordo chiedendo alla comandante Carola Rackete, di pazientare perchè «la situazione si sta sbloccando». Sulla nave anche una delegazione di parlamentari che promettono di non scendere finchè i 42 migranti non verranno fatti arrivare sull'isola. Nessuna apertura dall’Olanda, mentre la Commissione europea chiede agli Stati membri solidarietà: ma una soluzione con un’eventuale redistribuzione, avverte il commissario Dimitris Avramopoulos, «ci sarà solo con lo sbarco».

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini tiene tuttavia la paletta alzata: «non si sbarca». Ed i Carabinieri sono schierati sul molo. I legali della ong tentano anche la carta dell’esposto alla procura di Agrigento, che per ora tace. Giornata convulsa quindi sulla Sea Watch 3. «A bordo c'è disperazione» tra i naufraghi da due settimane in mare. «Qualcuno ha minacciato di buttarsi in acqua. Abbiamo aspettato una notte, non possiamo aspettare ancora», fanno sapere dalla ong. Intorno alle 14, dunque, passate 24 ore dall’arrivo in acque italiane, la 'Capitana' accende i motori e si dirige verso il porto, comunicandolo alle autorità.

Dal porto fanno sapere che non c'è posto. «Bene, vorrà dire che metteremo i migranti sui nostri gommoni e li porteremo a terra», questo il piano di Rackete. Ma una motovedetta si avvicina alla Sea Watch 3 ed un gruppo di finanzieri sale a bordo invitando a spegnere il motore: «i nostri superiori ci hanno detto che dovete pazientare perché probabilmente si sta sbloccando la situazione», le parole rivolte alla comandante. Nel frattempo sulla nave sono saliti anche alcuni parlamentari decisi a portare solidarietà: Graziano Delrio, Matteo Orfini e Davide Faraone del Pd, Riccardo Magi (+Europa) e Nicola Fratoianni (Sinistra italiana). Ed un gruppo di giornalisti. Mentre questi ultimi vengono poi riportati a terra, i parlamentari restano a bordo. «Non scendiamo finchè non scendono anche i migranti». Ed il braccio di ferro continua, mentre il titolare del Viminale irride i 5 parlamentari: "prendano il sole, si godano la vacanza, chi se ne frega». Le aperture dall’Europa non arrivano. Anzi, l’Olanda - Stato di bandiera della Sea Watch - chiude la porta in faccia all’Italia. «Condividiamo le preoccupazioni riguardo alle azioni della nave - fa sapere la ministra olandese alle migrazioni Ankie Broekers-Knol - ma non significa che prenderemo anche i migranti».

«Con il governo olandese non finisce qui», replica infuriato Salvini. Mentre Conte ha in programma un incontro con il collega olandese Rutte: «lo inviterò a valutare il comportamento di una nave che batte bandiera di quel Paese». Ed il premier ha nel mirino anche Carola Rackete, il cui comportamento, osserva, «è di una gravità inaudita. A questo punto la responsabilità non è più della politica ma della magistratura italiana».

Proprio ai magistrati della procura agrigentina si sono rivolti i legali di Sea Watch con un esposto affinchè si valutino «eventuali condotte di rilevanza penale» da parte delle "autorità marittime e portuali preposte alla gestione delle attività di soccorso» e per chiedere che venga valutata "l'adozione di tutte le misure necessarie» per consentire lo sbarco dei migranti «e porre fine alla situazione di gravissimo disagio» cui sono sottoposti. Ma, mentre il caso Sea Watch è un vero affare di Stato e le forze dell’ordine sono schierate per impedire la discesa a terra dei migranti soccorsi, a Lampedusa continuano ad arrivare indisturbati i barchini dei cosiddetti 'sbarchi fantasmà: in una settimana oltre 150 persone sono giunte sull'isola nonostante la politica dei porti chiusi.

«Se la situazione della Sea Watch non si sblocca entro domani, sono disposto a venire prendere i tre minori a bordo della nave di persona. Gli daremo ospitalità a Reggio Calabra, ne ho già parlato con il sindaco del Comune. Mi appello al Capo dello Stato e al Prefetto affinché quei minori vengano fatti scendere e sono pronto a presentare un esposto all’Onu per violazione delle convenzioni internazionali». Lo ha detto Antonio Marziale, Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria. «Ricordo - ha aggiunto Marziale - che la convenzione internazionale sui diritti dei bambini è stata firmata anche dall’Italia. Secondo quest’ultima, i minori hanno diritto di  cittadinanza in ogni angolo del mondo. Ritengo grave il fatto che si stia violando la convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e nessuno ne parli».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook