Venerdì, 06 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
SIRACUSA

Maltempo in Sicilia, Musumeci: subito lo stato di calamità, interventi immediati

I danni provocati dal maltempo alle infrastrutture del Siracusano saranno immediatamente riparati dalla Regione "senza aspettare interventi da Roma". Lo ha assicurato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, in visita a Rosolini per verificare di persona i danni provocati dal violento nubifragio della notte scorsa.

Insieme a lui, l'assessore dell'Agricoltura Edy Bandiera, il capo della Protezione civile regionale Calogero Foti e il deputato dell'Ars Giuseppe Gennuso. Musumeci ha poi annunciato l'intenzione di richiedere a Roma il riconoscimento dello stato di calamità.

“La Regione interverrà immediatamente, senza bisogno di aspettare provvedimenti da Roma, per riparare le infrastrutture danneggiate, e che sono già in fase di verifica, attraverso la Protezione civile e la Struttura contro il dissesto idrogeologico”. “Abbiamo potuto constatare - ha detto il governatore - che il torrente in cui confluiscono le acque provenienti dall'area modicana ha bisogno della creazione di un nuovo alveo perché è assolutamente insufficiente a raccoglierle. Sarà, inoltre, necessario provvedere ad ampliare immediatamente il ponte che si trova sulla via Paolo Orsi che, così com'è, si trasforma in un imbuto. Per quanto riguarda il ponte successivo, lungo il quale passa la rete ferroviaria, ci sarà invece bisogno dell'intervento dello Stato con Rfi. Noi, naturalmente, faremo da coordinamento”.

Musumeci ha chiarito che per quanto riguarda i danni subiti dalle aziende agricole sono già stati allertati gli ispettorati agrari di Siracusa e Ragusa “per capire qual è il perimetro e fare una ricognizione”. “Entro tre giorni - ha assicurato il presidente della Regione - trasmetteranno la relazione al governo che potrà così deliberare la richiesta dello stato di calamità”.

Il presidente della Regione si è poi trasferito in provincia di Ragusa a Ispica, nel quartiere di Cava Mortella, accompagnato sempre da Foti, dal prefetto ibleo Filippina Cocuzza, dal deputato regionale Giorgio Assenza e dalla parlamentare nazionale Marialucia Lorefice. Qui una frana ha lambito tre palazzine abitate da decine di famiglie che il governatore ha incontrato assicurando loro un intervento tempestivo per ridurre al minimo ogni disagio e ripristinare condizioni di massima sicurezza. “Paghiamo errori del passato - ha detto - quando il territorio veniva devastato e saccheggiato con tanta spregiudicatezza ma adesso serve una nuova stagione improntata ad uno spirito di responsabilità sia da parte di chi amministra, sia da parte dei cittadini”.

“Purtroppo - ha concluso Musumeci - le dinamiche climatiche sono ormai mutate, bisogna prenderne atto e noi non vogliamo farci trovare impreparati come dimostra il fatto che, proprio in questo periodo, abbiamo già avviato la pulizia di tutti i corsi d'acqua maggiormente a rischio della nostra Isola. Una straordinaria opera di prevenzione che non si faceva da trent'anni, cominciata già l'anno scorso e che ha portato all'apertura di quarantacinque cantieri. Contro il dissesto idrogeologico abbiamo speso in quindici mesi 175 milioni di euro e ne spenderemo altri 350 entro il prossimo anno: la nostra è una corsa contro il tempo per tentare di recuperare decenni di superficialità, perché la tutela del territorio per questo governo rappresenta la priorità assoluta”.

Il maltempo flagella il Siracusano: le foto dopo il nubifragio

Intanto il bollettino meteo della protezione civile regionale seppur preveda il persistere nella Sicilia orientale di precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale, segnala la cessazione nelle prossime ore dell’allerta codice rosso con la permanenza dello stato di preallerta codice giallo-arancione.

Lo rende noto il Comune di Catania che raccomanda ai cittadini di imitare al minimo gli spostamenti e fare particolare attenzione alle zone limitrofe a fiumi e torrenti. In serata i vigili del fuoco hanno tratto in salvo a Siracusa una famiglia olandese rimasta intrappolata nella propria auto in una area alluvionata.

È accaduto in contrada Laganelli dove il mezzo dei turisti era rimasto in panne. Nel veicolo c'erano due bambini di 1 e 3 anni e i loro genitori e l’acqua aveva raggiunto ormai un metro e mezzo di altezza. I 4 sono stati recuperati dai pompieri e trasportati in spalla in luogo sicuro. È stata la telefonata del conducente della macchina a fare scattare l’allarme e le operazioni di recupero sono state complesse perchè la zona era pressochè al buio.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook