Venerdì, 27 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Orrore a Trapani, neonato col cranio fracassato trovato in un sacchetto: la madre 17enne
NUOVO CASO

Orrore a Trapani, neonato col cranio fracassato trovato in un sacchetto: la madre 17enne

neonato, trapani, Sicilia, Cronaca
L'ospedale Sant'Antonio Abate di Trapani

Ha partorito un bambino nel bagno di casa. Poi, sopraffatta dalla disperazione, lo ha lanciato nel vuoto dalla finestra della sua camera. La madre è una studentessa di 17 anni. Ha detto di avere tenuta nascosta la gravidanza perché temeva le reazioni della famiglia e di avere fatto tutto da sola.

In realtà sola non era. Nei momenti fatali del parto e della tragedia in casa c'erano, a quanto pare, la madre della ragazza e una collaboratrice domestica che hanno detto di non essersi accorte di nulla. Molte cose, tuttavia, non quadrano nella ricostruzione, ancora approssimativa, di ciò che è veramente accaduto al quinto pianto di un palazzo di via Francesco De Stefano, un quartiere residenziale della periferia di Trapani: grandi spazi, palazzine ordinate, un ambiente nel quale vivono molte famiglie della piccola borghesia. Lo è anche quella della ragazza.

Il padre è un uomo delle forze dell'ordine; la madre una casalinga. Il caso presenta tante analogie con quello del neonato ritrovato l'altra sera tra i cassonetti della spazzatura a Ragusa. Magari dietro quella storia c'è anche la disperazione di una ragazza madre. Ma gli esiti sono stati ben diversi. Il neonato di Ragusa è stato trovato vivo e si è salvato (ora lo vorrebbero adottare almeno venti famiglie). Il piccolo di Trapani ha fatto una fine terribile.

Tra una crisi e l'altra la madre ha detto che in questi mesi ha nascosto la gravidanza, grazie anche a una struttura fisica robusta, e che la maternità sarebbe il frutto di una storia con un ragazzo. Storie normali di adolescenti normali. Dopo nove mesi di ansie e turbamenti, è arrivato il momento del parto. La ragazza ha detto che, avvertendo le doglie, si è chiusa in bagno. E da sola avrebbe partorito. Qualcosa, nel silenzio di un dramma vissuto il solitudine, sarebbe però trapelato se a un certo punto la colf avrebbe bussato per chiedere: "Tutto bene?".

Avuta la conferma che non c'erano problemi, si è dedicata ad altro. Anche la madre non avrebbe avuto alcun sospetto. A parto finito, la giovane è uscita dal bagno e si è chiusa in camera attraversando l'appartamento e lasciando sul pavimento una striscia di sangue. Tracce ematiche sono state trovate anche sul parapetto della finestra dal quale è volato il bambino appena nato: un volo di almeno 15 metri.

Risalire alla madre, dopo l'allarme lanciato dall'uomo che ha scoperto il macabro fagotto, non è stato difficile. La ragazza era sconvolta ed è stata accompagnata dalla polizia nel reparto di ginecologia dell'ospedale Sant'Antonino abbate di Trapani. Il sostegno e l'assistenza di una psicologa l'hanno aiutata a ricostruire, per sommi capi, una storia che ha ancora molte zone d'ombra e tanti misteri.

Del caso si sta occupando la Procura dei minori di Palermo che procede per omicidio volontario. La ragazza sarà chiamata a dare spiegazioni sui punti più controversi ma, nelle condizioni in cui si trova, è stato deciso di rinviare di qualche ora l'interrogatorio da parte del magistrato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook