Domenica, 20 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo

Mafia a Catania, arrestate le nuove leve dei Laudani: un tatuaggio a forma di labbra per riconoscersi 

Un tatuaggio a forma di labbra per riconoscersi. Lo usavano le nuove leve del clan “Laudani – Mussi i ficurinia” di Giarre, i cui adepti riportavano, come simbolo del vincolo di affiliazione ed in ossequio alla famiglia mafiosa catanese di riferimento, un tatuaggio “a forma di labbra”.

Da qui il nome dell’operazione dei carabinieri "Smack Forever" che ha portato questa mattina a 17 arresti: un tatuaggio costituito dalle labbra di un bacio “a stampo”, circondato dalla scritta “Forever”.

L’indagine dei carabinieri ha ricevuto una grande spinta dalle dichiarazioni di più collaboratori di giustizia, che avrebbero aiutato a delineare l’organigramma e le attività dell’organizzazione, al vertice della quale vi sarebbe Alessandro Liotta, già arrestato nel febbraio 2017 nell’Operazione “Bingo!” e considerato a capo di una fiorente associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di stupefacenti.

Liotta, visto come capo del Clan Laudani di Giarre, si sarebbe avvalso dei suoi affiliati per mettere sotto torchio i titolari delle attività commerciali che taglieggiava. Chi si rifiutava di pagare o pagava in ritardo veniva sottoposto a pestaggi o gravi intimidazioni con bottiglie contenenti liquido infiammabile.

Accanto al capo clan spiccano anche figure femminili, sue corree principali e fedeli affiliate “marchiate” dal tatuaggio mafioso con le labbra rosse, ossia la moglie Valeria Vaccaro e Sharon Contarino.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook