Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
OPERAZIONE ARTEMISIA

Corruzione e politica a Castelvetrano: la rete di favori della loggia segreta

corruzione, massoneria, poliziotti arrestati, Adelina Barba, Alessio Cammisa, Antonietta Barresi, Antonio Di Giorgio, Arturo Corso, Felice Junior Errante, Filippo Daniele Clemente, Francesco Cascio, Francesco Messina Denaro, Gaetano Bacchi, Gaetano Salerno, Gaspare Magro, Giorgio Saluto, Giovanna Ivana di Liberto, Giovanni Lo Sciuto, Giuseppe Angileri, Giuseppe Berlino, Giuseppe Cammareri, Isidoro Calcara, Luciano Perricone, Maria Luisa Mortillaro, Maria Zina Biondo, Paolo Genco, Rosario Orlando, Salvatore Giacobbe, Salvatore Passanante, Salvatore Virgilio, Sebastiano Genna, Tommaso Geraci, Valentina Li Causi, Vincenza Daniela Lentini, Vincenzo Chiofalo, Vincenzo Giammarinaro, Sicilia, Cronaca
Giovanni Lo Sciuto

Sono circa 70 i casi di pensioni di invalidità, attualmente al vaglio degli inquirenti, concesse a cittadini "sponsorizzati" da Giovanni Lo Sciuto. È uno dei dettagli emersi nell'ambito dell'inchiesta "Artemisia", l'operazione dei carabinieri contro una loggia massonica segreta a Castelvetrano che ha portato a 27 arresti fra cui figurano nomi eccellenti della politica e anche tre poliziotti.

Lo Sciuto, ex deputato regionale, secondo gli investigatori godeva inoltre del rapporto privilegiato con il presidente dell'ente di formazione professionale Anfe (Associazione Nazionale Famiglie Emigrati), Paolo Genco, anch'egli arrestato, con il quale avrebbe creato "uno stabile accordo corruttivo".

Il parlamentare sarebbe riuscito infatti ad ottenere assunzioni per persone da lui segnalate oltre che appoggio elettorale e anche finanziario, in cambio avrebbe agevolato la concessione dei finanziamenti a favore dell'Anfe.

Le indagini avrebbero accertato ancora l'esistenza di una associazione a delinquere promossa ed capeggiata da Lo Sciuto con la collaborazione del massone Giuseppe Berlino, composta anche dall'ex sindaco di Castelvetrano Felice Errante, dall'ex vice sindaco Vincenzo Chiofalo e dal commercialista massone Gaspare Magro che aveva come obiettivo il condizionamento dell'attività di organi costituzionali e della pubblica amministrazione.

Corruzione e massoneria nel Trapanese, 27 arresti: i nomi e le foto dei coinvolti

La loggia massonica segreta sarebbe stata collusa con esponenti di rilievo del mondo politico, delle forze dell'ordine, delle istituzioni e degli enti di governo del territorio, del comparto sanità e dell'imprenditoria.

In particolare avrebbe condizionato scelte politiche ed amministrative, come la nomina di quattro assessori a Castelvetrano, l'assegnazione di pensioni di invalidità o indennità di accompagnamento e l'assunzione in strutture pubbliche e private.

L'indagine, infine, ha infine portato alla luce diversi episodi di violazione del segreto istruttorio e favoreggiamento nei confronti di Lo Sciuto da parte di appartenenti alle Forze dell'Ordine e di esponenti politici regionali come l'ex presidente dell'Ars Francesco Cascio, finito agli arresti domiciliari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook