Sabato, 27 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Palermo, trovato corpo senza vita di una 17enne in un burrone. Il fidanzato ha indicato il posto
LA TRAGEDIA

Palermo, trovato corpo senza vita di una 17enne in un burrone. Il fidanzato ha indicato il posto

Secondo i primi accertamenti, il cadavere sarebbe parzialmente bruciato.  E’ stato il fidanzato 19enne a indicare il posto
burrone, morte, palermo, ragazza 17 anni, Sicilia, Cronaca
Pietro Morreale e Roberta Siracusa

Il corpo senza vita di una giovane, Roberta Siracusa, di 17 anni, è stato trovato in un burrone nella zona di Monte San Calogero a Caccamo, in provincia di Palermo. Sono intervenuti i vigili del fuoco e le indagini sono condotte dai carabinieri e coordinate dalla procura di Termini Imerese. Secondo i primi accertamenti, il cadavere sarebbe parzialmente bruciato. È stato il fidanzato 19enne, Pietro Morreale, a indicare il posto dopo che si è presentato con il padre e l’avvocato nella caserma del paese. Sul posto il Ris dei carabinieri, i militari della Compagnia di Termini Imerese e della Stazione, oltre ai vigili del fuoco. Procede la procura di Termini Imerese e quella dei Minori di Palermo. Il giovane viene sentito insieme dal pm.

La ricostruzione

Il giovane di 19enne Pietro Morreale che aveva una relazione con l'adolescente trovata carbonizzata in un dirupo a Caccamo è nella caserma dei carabinieri di Caccamo. Della sparizione di Roberta si stava già occupando da ieri la procura dei minori avvisata dai carabinieri che stavano iniziando le ricerche e sentendo le persone più vicine alla ragazza. Indagini in cui questa mattina c'è stata una svolta fino quando il 19enne si è presentato poco prima delle 9.30 in caserma accompagnato dai genitori e dall'avvocato difensore. Il giovane li avrebbe accompagnati sul luogo dove la 17 enne è stata abbandonata quasi completamente carbonizzata. Nella caserma dei carabinieri ci sono anche una decina di giovani, per lo più coppie, che vengono ascoltati dagli investigatori e dal Pm come testimoni. Avrebbero partecipato, insieme ai due fidanzati, a una festa in una villetta nella zona di Monte San Calogero, a poca distanza dal luogo dove è avvenuto il ritrovamento del cadavere di Roberta Siragusa. I testimoni avrebbero parlato di un litigio tra Pietro e Roberta, che si sarebbero allontanati dalla villa intorno a mezzanotte. I carabinieri stanno anche visionando le immagini delle telecamere di sorveglianza del paese per accertare se Morreale sia andato a rifornirsi di benzina presso un distributore di carburante durante la notte, visto che il cadavere della fidanzata è stato trovato parzialmente carbonizzato. Il giovane, secondo l’ipotesi che gli inquirenti stanno cercando di verificare anche attraverso l’interrogatorio, potrebbe avere tentato di dare fuoco al corpo per cancellare ogni traccia. Nella caserma anche il sostituto procuratore di Termini Imerese Giacoma Barbara, che sta coordinando le indagini dei carabinieri. In merito a una eventuale confessione di Pietro Morreale, l’avvocato Giuseppe Di Cesare, che insieme ad Angela Maria Barillaro difende il giovane, ha chiarito: «Il mio assistito - ha detto - non ha confessato, né ai carabinieri né al Pm che deve ancora deve sentirlo. Non c'è al momento alcun provvedimento nei suoi confronti, perché io avrei dovuto saperlo». In questo momento il giovane è ancora nella caserma dei carabinieri di Termini Imerese dove si stanno svolgendo gli interrogatori da parte del Pm.

Il sindaco

Nonostante la zona rossa in Sicilia, secondo indiscrezioni raccolte in paese i due fidanzati ieri sera sarebbero stati insieme ad alcuni amici in una villetta nella zona Monte Rotondo a Monte San Calogero a Caccamo. Lo ha detto anche il sindaco Nicasio Di Cola. Nella villetta Pietro e Roberta, avrebbero trascorso la serata. Poi secondo alcune indiscrezioni i due avrebbero litigato per gelosia. Una scenata del 19enne nei confronti della ragazza. Su questi passaggi stanno ancora indagando i carabinieri per cercare riscontri. La 17enne ieri sera non era tornata a casa e i genitori avevano presentato denuncia ai carabinieri e la procura per i minorenni era stata allertata. Il mistero sulla sparizione della ragazza si è concluso questa mattina quando Morreale si è presentato ai carabinieri.

Morta in burrone a Caccamo: fidanzato fa ritrovare il cadavere

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook